Home / Affari di Palazzo / Economia e finanza / Il Recovery Fund è una trappola e prevede nuove tasse

Il Recovery Fund è una trappola e prevede nuove tasse

Condividi quest'articolo su -->

Il Financial Times (i cui corrispondenti da Bruxelles hanno sempre notizie di primissima mano) ci informa che Ursula von der Leyen starebbe considerando “modi innovativi per finanziare i € 500 miliardi di debito” previsti dal piano franco-tedesco.

di Filippo Nesi

Secondo voi di cosa si tratterà? Ma certo, avete capito bene: parliamo di nuove tasse. Più precisamente, si parla di “imposte ambientali” e altre forme di “prelievi societari”.

Che cosa succede? È semplice. I paesi “frugali” (Paesi Bassi, Austria, Danimarca e Svezia e gran parte dello stesso Bundestag) non vogliono saperne di fornire sovvenzioni ai paesi mediterranei. Rifiutano qualsiasi monetizzazione del debito da parte di BCE (strada, peraltro, ormai impraticabile dopo la sentenza di Karlsruhe) e, ovviamente, qualsiasi forma di trasferimenti fiscali. Non solo.

Da più parti si fa notare come questi prestiti (perché tali sono, trattandosi sostanzialmente di anticipi di cassa su contributi futuri che gli stati membri beneficiari dovranno comunque restituire) finirebbero per ridurre all’osso il bilancio dell’UE nel prossimo settennato.

Da qui l’esigenza di trovare “risorse proprie”

ad esempio una “nuova imposta a livello UE sui rifiuti di plastica” e nuove entrate dal sistema di scambio di quote di emissione dell’UE (ETS UE). E così, i costi del recovery fund verranno scaricati sulle aziende europee. E te pareva.

In pratica, per anticiparci poco più di 60 miliardi di contributi che dovremo comunque restituire, i tedeschi ci obbligheranno a pagare tasse per sostenere la riconversione della loro industria automotive nazionale, la quale, sia detto per inciso, per ora sta steccando alla grande, ad onta degli enormi tagli alla forza lavoro già effettuati. Non dubito la proposta incontrerà i favori dei soliti noti sulle sponde italiche. Perché l’importante è poter dire che i soldi ce li ha dati l’UE e dare torto ai sovranisti brutti e cattivi. Ora capite perché anche Schäuble è favorevole al recovery fund?

 

Tratto dalla pagina PIIGS_TheMovie

 

Leggi anche:

La propaganda del Governo Conte sul Recovery Fund

Condividi quest'articolo su -->

Cerca ancora

L’impietoso ritratto dell’Istat su occupazione, sanità ed investimenti

È uscito il consueto report annuale dell’ISTAT, quasi 300 pagine di dati e di statistiche …