Home / Affari di Palazzo / Ecco come il nostro oro è ormai nelle mani delle banche private

Ecco come il nostro oro è ormai nelle mani delle banche private

L’argomento oro è tornato al centro del dibattito politico italiano. Nessuno sembrava infatti ricordarsi l’esistenza di questo preziosissimo metallo, nonché bene rifugio per eccellenza dell’economia.

L’oro è così tornato di moda a seguito delle polemiche circa la proprietà delle riserve auree ancora presenti nelle casseforti di Bankitalia.

Oro per 90 miliardi nelle casse di Bankitalia

Non c’è infatti alcuna chiarezza legislativa sul diritto di proprietà dello Stato italiano rispetto a quella che è a tutti gli effetti la quarta riserva d’oro bancaria al mondo. Per quantità di tonnellate d’oro possedute, Bankitalia si situa infatti dietro solo alla Federal Reserve americana, alla Bundesbank tedesca e al Fondo monetario internazionale. Il valore di tali riserve è stimato intorno ai 90 miliardi di euro.

A conferma della totale inconsapevolezza rispetto al diritto di proprietà sull’oro, vi è la recente mozione che sarà presentata quest’oggi in Senato e che così recita:

Adottare le opportune iniziative al fine di definire l’assetto della proprietà delle riserve auree detenute dalla Banca d’Italia nel rispetto della normativa europea. adottare le iniziative opportune al fine di acquisire, anche attraverso la Banca d’Italia, le notizie relative alla consistenza e allo stato di conservazione delle riserve auree ancora detenute all’estero e le modalità per l’eventuale loro rimpatrio, oltre che le relative tempistiche.

Il testo è stato proposto da due esponenti della maggioranza, Alberto Bagnai per la Lega e Laura Bottici per il Movimento 5 Stelle.

Lo Stato italiano si è fatto fregare dalla sua banca centrale

Ignazio Visco, Governatore di Bankitalia, insieme a Mario Draghi

In sostanza tale mozione dimostra come il Governo in carica non abbia alcuna idea su chi sia il vero proprietario dell’oro presente in Bankitalia. Non solo. L’esecutivo gialloverde non conosce nemmeno la quantità di riserve auree detenute all’estero. Inoltre, invece che prendere di petto la situazione, il Governo sceglie la via di una timida mozione in Senato per discutere un argomento che è in realtà di primo piano. Bankitalia nel frattempo rivendica la proprietà dell’oro e la sua indisponibilità per il Governo (e quindi per lo Stato). Tenuto conto che le quote principali di Bankitalia sono detenute da enti privati (tra cui spiccano Intesa San Paolo, Unicredit e Generali), bisogna sommessamente ammettere che quell’oro è ormai nella loro piena disponibilità. Loro e dell’Unione europea, come ha tenuto a sottolineare di recente il numero uno della Banca centrale europea, Mario Draghi.

Come nella più classica circonvenzione di incapaci lo Stato italiano sembra essersi fatto fregare, senza accorgersene, oro per 90 miliardi, tant’è che solo oggi, a distanza di 14 dalla “privatizzazione” di Bankitalia, il Governo in carica si ricorda di aver lasciato dentro il metallo prezioso. Troppo tardi, Bankitalia ha chiuso le porte e non sarà di certo una timida mozione in Senato a ristabilire le giuste gerarchie. Chi di privatizzazione ferisce, di privatizzazione perisce.

Di Gabriele Tebaldi

Gabriele Tebaldi
Classe 1990, giornalista pubblicista, collabora con Elzeviro dal 2011, quando la testata ha preso la conformazione attuale. Laurea e master in ambito di scienze politiche e internazionali. Ha vissuto in Palestina, Costa d'Avorio, Tanzania e Tunisia.

Cerca ancora

Da Raciti a Di Gennaro: quell’Italia dove “uccidere uno sbirro non è reato”

di Redazione La recente esecuzione del Maresciallo dei Carabinieri Vincenzo Di Gennaro riapre una ferita …

Un commento

  1. Avatar

    Dall’articolo sembrerebbe che l’autore pensi che solo M5S non abbia idea di come muoversi in questa situazione aurea.
    Ma perché, secondo l’autore invece pd o fi e tutta l’altra merda criminale e mafiosa saprebbero sbrogliare la matassa? Gli stronzi che son stati al governo negli ultimi 30 anni hanno concluso qualcosa?
    Non sono forse loro ad averci portati fin qua, togliendo la sovranità monetaria all’Italia di soppiatto?
    Come se fosse colpa di M5S il fatto di non essere a conoscenza delle riserve auree e del fatto che si trovano fuori dai confini nazionali… intelligentissimo!

    Caro autore (non sto nemmeno a leggere il nome), invece di dare addosso a chi è nuovo per partito preso, solo per tifare per la tua “squadra del cuore” del cazzo, cerca di essere imparziale.

    Qui non si fa il tifo, non è un gioco, ci si fa male veramente. L’unico tifo valido in politica è quello per l’onestà, che permette di scegliere gente che poi NON TI PRENDE PER IL CULO, come è successo PUNTUALMENTE con TUTTI i governi degli ultimi 30 anni, e quello per fare le “scelte giuste” per la politica di sviluppo e management del paese.

    Insistere a tifare per una squadra che non ha concluso altro che connivenza con il crimine di tutti i livelli non farà altro che continuare a distruggere il tuo futuro. E quello dei tuoi figli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciotto + quattro =