Home / L’Elzeviro (pagina 29)

L’Elzeviro

Morte: ponte o abisso?

“Non si sa di quale mondo sia sigillo la lapide” soleva dire Borges. Infatti la morte non è umanizzabile, perché è un disorganico inumano. Per qualcuno è la fine di tutto, per altri l’inizio di un nuovo mondo. L’unica cosa certa è che nessuno esce vivo dalla vita: lo scoccare …

Leggi tutto »

L’appagato

Ci sono volte che la sera unica amante ci viene in soccorso. Il sole accecante rende lattiginosa e torbida la coscienza, mentre il Vespero sorge sui pensieri donandoci l’acume. Si vedono allora con chiarezza le Cose: si capisce perché l’appagamento fa male alle membra, ai sensi, alla pelle. Si capisce …

Leggi tutto »

Altro che decrescita, a Torino serve l’industria! Parola di “Chiampa”

Stamane, intervenendo all’Assemblea dell’Agorà Sociale promossa dall’Arcivescovo di Torino, il Presidente della Regione Sergio Chiamparino ha sostenuto che occorre dire “basta alla retorica della decrescita felice, torniamo a parlare di sviluppo e a investire nel manifatturiero, altrimenti non riusciamo a creare lavoro: non solo per accompagnare la crisi, ma per …

Leggi tutto »

Perché stare con Putin

Dal 1943 ad oggi è diventato dogma indiscutibile stare dalla parte dei liberatori. In fondo quella promessa di ricchezza e democrazia, condita da jeans, sigarette e un po’ di Hollywood, pareva un paradiso terrestre agli occhi dei nostri avi appena usciti dai bombardamenti della guerra. Bombe che portavano una sola …

Leggi tutto »

La moina radical dell’incensare il delinquentello

In Italia, o meglio nell’Italia radical e sempre pronta a vedere l’altra faccia della medaglia, quest’ultima ha finito per essere la faccia prevalente. Ecco quindi che in quel di Napoli, quando la camorra uccide per sbaglio qualcuno per strada non si leva un fiato. Quando invece un giovanissimo che girava …

Leggi tutto »

Via Rasella, settant’anni di MENZOGNE

Roma, 23 marzo 1944…un bidone della spazzatura contenente 18 chili di tritolo mescolati a pezzi di ferro….ore 15,30 esplode…33 militari del reparto Bozen (tutti italiani del Sudtirolo e non gendarmi tedeschi come riporta la storiografia faziosa) rimasero sul selciato……5 civili uccisi e 20 feriti. Tale attentato è fatto passare dalla …

Leggi tutto »

MUTI, l’aroma di un’anima pura

Un ricordo di Ettore Muti, a settantuno anni dall’omicidio commissionato da Badoglio.“Voi siete l’espressione del valore sovrumano, un impeto senza fine, un’offerta senza misura, un pugno d’incenso sulla brace, l’aroma di un’anima pura.” Gabriele D’Annunzio Ettore Muti è – il ragazzino che, fallito un primo tentativo, riesce sotto mentite spoglie ad …

Leggi tutto »

Ode alla mediocrità progressista

In quest’epoca di decadenza stanno anche togliendo quel poco coraggio che la tradizione era riuscita ad infondere nella legislazione.  Oggi tutti hanno licenza di uccidere, entro un certo periodo, il frutto non ancora sbocciato di una vita.  Oggi tutti hanno licenza di definirsi maschio o femmina.  Oggi il senso del …

Leggi tutto »