Home / Affari di Palazzo / La prima pagina de La Stampa: un mix di disinformazione e impudenza

La prima pagina de La Stampa: un mix di disinformazione e impudenza

Condividi quest'articolo su -->

Nella prima pagina odierna il quotidiano La Stampa stabilisce un nuovo punto d’arrivo nelle tecniche di disinformazione, sovvertendo in modo funzionale alla propria linea narrativa il ruolo delle vittime e dei carnefici.

di Antonio Di Siena


Uno schifo indegno, solo così si può commentare La Stampa di oggi. Una prima pagina vergognosa in cui, per raccontare quanto avviene a Kiev, Leopoli e Mariupol, viene incredibilmente utilizzata la foto dell’attentato terroristico di Donetsk in cui avantieri hanno perso la vita venti civili per mano dell’esercito ucraino.

L’immagine della disperazione della popolazione del Donbass – da otto anni bombardata dai “democratici” ucraini con il sostegno dell’Europa e della NATO e il complice silenzio dei nostri media – strumentalizzata per indurre il lettore italiano a credere che quanto stanno guardando sia avvenuto per mano russa.

E così, dopo i surreali titoli del TG5 di cui parlavamo ieri, assistiamo all’ennesimo ribaltamento della realtà con il quale le vittime dell’ennesimo crimine di guerra vengono private anche della loro dignità di oppressi e trasformati in coloro che li stanno perseguitando in nome della democrazia liberale.

Lo stesso comportamento che, a ruoli invertiti, avrebbe mobilitato i sempre solerti fact-checkers per segnalare un “contesto inesatto o mancante” ma che difronte a questi macroscopici “errori” tacciono inspiegabilmente…

L’ottimo Giorgio Bianchi, fotoreporter in questo momento in prima linea in Donbass, ha diramato un appello pubblico per rendere giustizia alle vittime innocenti di Donetsk, violentate dall’indegno comportamento dei nostri media.

Vi prego di dargli la massima diffusione e aderire in massa. Fermiamo questa rozza e volgare propaganda bellicista e contribuiamo a rendere consci gli italiani della gigantesca operazione di manipolazione della realtà di cui sono inconsapevoli spettatori.
Condividi quest'articolo su -->

Cerca ancora

I costi del vincolo NATO

Il Governo Draghi ha recentemente impegnato il Paese ad aumentare la spesa destinata alla NATO …