Home / Affari di Palazzo / Economia e finanza / La banalità del male liberale

La banalità del male liberale

Condividi quest'articolo su -->

E certo, ci mancava il rilancio delle idee liberali e, quindi, liberiste.
Perché in Italia (ma non solo) di liberali ce ne sono pochi. Soprattutto in parlamento.
Si è visto negli ultimi 40 anni.

di Gilberto Trombetta

Hanno liberalizzato l’azione della Banca d’Italia con l’infame divorzio dal Tesoro del 1981. Hanno liberalizzato il sistema bancario con l’abrogazione della legge bancaria del ’36.

Hanno privatizzato e liberalizzato l’industria pubblica e i servizi.
A livelli mai visti prima.

Negli anni ’90, con la svendita dell’IRI voluta da Draghi e da Prodi – e che ci chiedeva l’UE, ça va sans dire – hanno privatizzato più di tutti i Paesi europei, sia in termini assoluti che in percentuali del PIL (circa il 10%).

Hanno liberalizzato il mercato del lavoro

Cioè abbiamo distrutto tutele e salari: abolizione della scala mobile, pacchetto Treu, legge Biagi, DL 368/2001, Jobs Act, legge Fornero, decreto Sacconi, decreto Poletti.

Hanno privatizzato la politica, grazie soprattutto ai Radicali. I veri vincitori della Prima Repubblica.

L’hanno privatizzata sostituendo il proporzionale puro col maggioritario. L’abbiamo privatizzata con l’abolizione del finanziamento pubblico ai partiti. L’abbiamo privatizzata togliendo le preferenze e creando le liste bloccate.

Hanno liberalizzato merci, capitali e lavoratori con l’adesione alla UE e all’Eurozona.
Ci hanno legato – i liberali – mani e pedi a un’ideologia, il liberismo, che uccide.

Lo dimostra – solo per rimanere ad avvenimenti recenti – la Grecia

Lo dimostra il Regno Unito con i suoi omicidi economici (l’aumento della mortalità dovuto ai tagli al SSN).
Lo dimostrano gli USA, uno dei Paesi col più alto tasso di disuguaglianza al mondo.

Lo dimostra l’Italia, dove i tagli al SSN e dei posti letto ci hanno regalato migliaia di morti in più nell’ultimo anno.
Eppure Cottarelli ci dice che il Paese ha bisogno di rilanciare l’ideologia liberale.

Eppure in Parlamento siedono solo partiti liberali e liberisti.

C’è solo la sinistra liberale, in parlamento

C’è solo la destra liberale, in parlamento. Anche i 5S, per loro stessa ammissione, sono una forza liberale.
In Parlamento siede un solo partito. Il Partito Unico Liberale.

Il liberismo uccide e peggiora la vita delle persone.
Ma per i liberali la soluzione è più liberismo.

Noi diciamo invece che in parlamento servono forze socialiste e, quindi, anti-unioniste.
Il liberismo è il male, il socialismo la cura.

 

Leggi anche:

Non accetta il lavoro a causa del reddito di cittadinanza? Una fake colossale

Condividi quest'articolo su -->

Cerca ancora

Partite IVA: riaperture light? Un misero contentino

Quelle che oggi il premier Draghi e il ministro Speranza hanno chiamato trionfalisticamente riaperture sono …