Home / Affari di Palazzo / Esteri / Lettera aperta al Presidente Putin

Lettera aperta al Presidente Putin

Condividi quest'articolo su -->

Il portavoce del Cremlino, DmitryPeskov, ha risposto all’inaccettabile caratterizzazione di Biden del presidente russo come di un assassino affermando che Biden aveva chiarito che “non vuole normalizzare le relazioni”.

di Paul Craig Roberts

Al Cremlino la speranza arde eterna? Per molti anni mi è stato ovvio che Washington non vuole relazioni normali con la Russia o qualsiasi altro paese. Washington vuole una relazione egemonica, con Washington come egemone e la Russia come burattino obbediente, come lo era la Russia durante il decennio di Eltsin.

Basti pensare agli ultimi quattro anni di presidenza, quella di Trump. Trump ha dichiarato la sua intenzione di normalizzare i rapporti con la Russia e per questo la sua presidenza è stata distrutta dall’establishment americano.

Non ci sono prospettive che la Russia possa avere relazioni normali con gli Stati Uniti e il suo Impero.

La distruzione della presidenza di Trump

e il furto della sua rielezione sono la prova che l’establishment americano non tollererà un presidente che intende una normale relazione diplomatica con una Russia sovrana. Questa sola intenzione è stata tutto ciò che è servito per distruggere la presidenza di Trump. Trump si è immediatamente trovato di fronte a tre anni di “Russiagate” orchestrato, seguito da due tentativi di impeachment su basi false e la sua rielezione è stata rubata.

La magistratura americana ha rifiutato persino di guardare alle prove schiaccianti delle elezioni rubate. Il Cremlino credeva davvero che Biden avrebbe ripetuto l’autodistruzione di Trump e avrebbe fatto amicizia con la Russia?

Nonostante tutta la chiarezza nell’accusa di Biden, sostenuta dalla portavoce della Casa Bianca Jen Psaki, che “i russi saranno ritenuti responsabili”, la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha ribadito l’interesse della Russia a “prevenire il degrado irreversibile” dei legami bilaterali russi con gli Stati Uniti.

Sorprendente. Sembra che il Cremlino non sia in grado di riconoscere la realtà. Nel 2016 Hillary Clinton, che avrebbe dovuto essere il prossimo presidente degli Stati Uniti, ha definito Putin il “nuovo Hitler”. In che cosa differisce da Biden che definisce Putin un assassino? È politica ufficiale occidentale demonizzare Putin e la Russia. La demonizzazione di Putin e della Russia è in atto da anni.

La pazienza di Putin è notevole. Tratta questi insulti calcolati come se non avessero importanza. Ma la risposta di Putin non serve la pace o gli interessi russi.

Caro Presidente Putin,

mi permetta di offrire una spiegazione della minaccia che lei e il mondo intero affrontate. Washington e l’establishment della politica estera americana La odiano. La odiano perché ha ripristinato la sovranità della Russia e, quindi, ha messo un paese potente [di traverso] sulla via dell’egemonia americana. Ricordi la dottrina Wolfowitz (1992):

Il nostro primo obiettivo è impedire il riemergere di un nuovo rivale, sul territorio dell’ex Unione Sovietica o altrove, che rappresenti una minaccia dell’ordine di quella posta in precedenza dall’Unione Sovietica. Questa è una considerazione dominante alla base della nuova strategia di difesa regionale e richiede che ci sforziamo di impedire a qualsiasi potenza ostile di dominare una regione le cui risorse, sotto un controllo consolidato, sarebbero sufficienti a generare potere globale.

Lei, Presidente Putin e lei solo, è responsabile del “riemergere di un nuovo rivale… sufficiente a generare potere globale.” Pertanto, Lei è un vincolo imperdonabile all’egemonia americana e “il nostro primo obiettivo” è rimuovere il vincolo che impone all’egemonia americana.

Questa politica neoconservatrice rimane in vigore

Nessuna alternativa si è fatta avanti. Recentemente, due analisti russi dell’egemonico Atlantic Council hanno suggerito che Washington persegua un approccio meno ostile alla Russia. Sono stati immediatamente denunciati dagli altri 22 membri esperti di politica estera del Consiglio. Si veda quest’articolo a titolo di esempio.

Non si potrebbe affermare in modo più chiaro che la Russia è sulla strada di Washington. Al Cremlino mancano persone che abbiano familiarità con la lingua inglese?

Chiunque dia consigli al Cremlino è un idiota. Ogni volta che il Cremlino risponde agli insulti e alle false accuse di Washington, il Cremlino consegna a tutti i media occidentali – un ministero della propaganda, del genere che non è mai esistito prima sulla terra e può essere trovato solo nella fantascienza come in 1984 di George Orwell – l’opportunità di ripetere l’accusa: “Oggi il portavoce del Cremlino ha negato che Putin sia un assassino”.

Se posso offrire il mio consiglio

Presidente Putin, spieghi a Peskov e alla Zakharov di non rispondere ad accuse e insulti. Li ignori. Non dica niente. La smetta di cercare di fare appello a Washington e ai suoi fantocci della NATO. Il fatto che la Russia creda che i fatti siano rilevanti è visto dall’Occidente come un segno di grande debolezza. I fatti non contano in Occidente. Il Russiagate lo ha dimostrato per Lei.

Svolga i suoi affari dove è accolto e considerato un potenziale protettore contro Washington, come l’Iran. Formi un patto di mutua difesa esplicita con la Cina. Nemmeno la pazza e criminale Washington affronterà Russia e Cina [assieme]. Aggiunga l’Iran e i talebani.

Il modo migliore per tenere il terrorismo islamico fuori dalla Federazione Russa è fare amicizia con loro e rivoltarli contro Washington. Batta Washington al suo stesso gioco. E con tutti i mezzi, fermi Israele e Washington dall’attaccare il territorio siriano.

Finché non dimostrerà il potere della Russia

non sarà preso sul serio. Più a lungo non viene preso sul serio, maggiore è la probabilità che le minacce contro la Russia aumentino fino all’arrivo della guerra nucleare. Ovviamente, la Russia non è presa sul serio con i leader democratici americani che descrivono il presidente della Russia come il “nuovo Hitler” e “un assassino”. Nessun presidente americano osava parlare di un leader sovietico, dove effettivamente c’era una giustificazione per l’accusa, in questi termini.

Offro questo consiglio non perché sono pro-Russia e anti-America, ma perché ho lavorato con il presidente Reagan per raggiungere l’obiettivo di porre fine alla Guerra Fredda e alla sua minaccia di un Armageddon nucleare. Le persone possono fare tutto ciò che vogliono sul cambiamento climatico e sul Covid, ma la guerra nucleare è un avvenimento della fine dei tempi.

L’intento neoconservatore americano di acquisire l’egemonia mondiale porterà la guerra nucleare a meno che Lei non volti le spalle della Russia all’Occidente decadente, corrotto e morente e non protegga con forza decisiva gli interessi della Russia e dei suoi amici. Washington Le nega amici in Europa. Li trovi altrove. È in gioco la pace nel mondo.

 

Leggi anche:

La fragilità di Biden e la strategia del nemico esterno

Condividi quest'articolo su -->

Cerca ancora

La cittadinanza a Zaki: tra autolesionismo geopolitico e ipocrisia morale

La cittadinanza onorifica riconosciuta a Patrick Zaki non rappresenta solo l’ennesimo (madornale) errore diplomatico commesso …