Home / Affari di Palazzo / Le priorità sballate del Primo Maggio di Fedez

Le priorità sballate del Primo Maggio di Fedez

Condividi quest'articolo su -->

Un miliardario costruito dalla società più consumista che si sia mai vista, inebetita dai social network, si è autoproclamato (con beneplacito dei media, sopratutto quelli pseudo progressisti come Repubblica, proprietà: John Elkann) latore delle istanze della classe lavoratrice.

Nel suo patetico discorsetto sul palco del primo maggio, il rappresentante dei lavoratori (sic) parla di una devastante censura (che poi gli permette di dire tutto quello che vuole, nonostante una dirigente lo abbia bollato come inopportuno). Ma lui ha combattuto tanto per questo intervento (parole sue). Modello delle battaglie per la libertà di informazione in un regime, a quanto pare. Peccato che del regime egli sia uno dei vertici: si notino le sue continue apparizioni in tv: il ragazzo è ubique.

E poi è andato a pescare i commenti contro i gay da parte dei leghisti.

Che i leghisti siano ignoranti e molti tra loro omofobi è cosa nota, ma grazie per aver illuminato la platea con 30 anni di ritardo, caro Federico.

Il problema è che Fedez e Ferragni sono portatori di uno stile di vita e di valori che è, a parer mio, deprimente come il ministro dell’interno che balla a torso nudo con un gin&tonic e rimira le cubiste seminude che ballano sull’inno nazionale. Mentre il ministro dovrebbe comportarsi in modo diverso in virtù della carica che ricopre, Fedez e Ferragni, che hanno milioni e milioni di followers, sono lo specchio del consumismo sfrenato, del culto dell’immagine, del miliardario annoiato e ribelle. Ma la loro è una ribellione artefatta, che dura il tempo di una Instagram story.
Quella di questi personaggi è una continua autocelebrazione, concessa con il beneplacito del mainstream e della politica, e rappresenta forse il peggio di ciò che il futuro della comunicazione in Italia fa presagire.

C’è un’intera categoria alla canna del gas perché i nostri Governi hanno deciso di chiudere per oltre un anno cinema e teatri senza uno straccio di evidenza scientifica.

E come ormai è prassi degli esecutivi, a serrande chiuse è stata corrisposta, se va bene, una pacca sulla spalla. Insomma, come per i ristoratori, è valso il principio “io ti chiudo, poi forse se mi ricordo ti darò qualcosa”.

Bene, in tale situazione di drammatica emergenza per la cultura, l’autoproclamato rappresentante di questo settore, Fedez, dopo una brillante parentesi da passacarte per Giuseppe Conte, ha deciso di ribellarsi. E, udite udite, avrà deciso di farlo per chiedere l’immediata riapertura di cinema, teatri e concerti? No. Si sarà incatenato davanti a Palazzo Chigi per chiedere i giusti indennizzi per i suoi colleghi? Ma va.

Il ribelle Fedez si è esposto in prima persona per chiedere l’approvazione del DDL Zan!

Secondo Fedez quindi la cultura del rispetto verso gli altri mica si insegna con il teatro, con il cinema o con l’arte in generale. No, deve essere imposta con la forza della legge.
Una volta avevamo musicisti che si battevano contro la guerra in Vietnam, contro il neocolonialismo in Africa, contro la mafia.

Oggi invece abbiamo Fedez.

Leggi anche:

Fedez paladino dei diritti? Ma per cortesia…

Successiva Prec
  Chiara Ferragni and Fedez Raise over 3 Million For Coronavirus Intensive Care Units | L'Officiel Italy
  Fedez: «Chi mi odia rischia» - Grazia.it  
Successiva Prec
Condividi quest'articolo su -->

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

Il doppiogioco della Lega sulle riaperture per non perdere consenso

Non sembra che la Lega abbia una posizione netta sui confinamenti e sulle restrizioni sanitarie. …