Home / Affari di Palazzo / Esteri / La NATO sta provocando sempre di più la Russia

La NATO sta provocando sempre di più la Russia

Condividi quest'articolo su -->

L’arresto dell’uomo di Soros, Andrei Pivovarov, direttore di Open Russia, mentre era già sull’aereo per filarsela verso Varsavia, va inquadrato in un (ulteriore) aumento delle tensioni fra Mosca e la NATO.

di Maurizio Blondet

La Russia ha annunciato che creerà circa 20 nuove unità nel suo distretto militare occidentale. Il ministro della Difesa russo ha dichiarato che ciò è in risposta alle azioni dei paesi membri della NATO, guidati dagli Stati Uniti nella direzione strategica dell’Occidente

Le azioni dei nostri colleghi occidentali distruggono i sistemi di sicurezza globali e ci costringono ad adottare contromisure adeguate. Miglioriamo costantemente la composizione di combattimento delle nostre truppe. Entro la fine dell’anno, saranno create circa 20 nuove unità militari nella zona militare occidentale.

Ha dichiarato Sergei Shoigu a una riunione dell’industria della difesa. Inoltre, le truppe russe nel distretto militare occidentale riceveranno circa “2.000 unità di equipaggiamento”, ha aggiunto il ministro. Shoigu ha sottolineato che le forze armate russe hanno continuato a migliorare la formazione del personale e il funzionamento degli organi di controllo.

La minaccia militare della Nato vicino ai confini della Russia

sta diventando seria poiché l’alleanza aumenta l’intensità dei voli aerei strategici, la presenza di navi da guerra dotate di missili da crociera e il numero di esercitazioni, ha continuato Shoigu. Le navi da guerra della NATO dotate di missili da crociera entrano spesso nel Mar Baltico. Allo stesso tempo, la NATO e gli Stati Uniti continuano ad ampliare la portata dell’addestramento al combattimento e operativo vicino ai confini della Russia”, ha osservato il ministro russo.

La Russia ha intensificato le manovre militari dopo l’escalation di tensione con i paesi occidentali. La Difesa Russa ha organizzato un’esercitazione navale nel Mare di Barents che coinvolge l’incrociatore missilistico a propulsione nucleare Pietro il Grande. L’ufficio stampa della flotta marittima russa ha dichiarato venerdì (28 maggio) che l’incrociatore missilistico a propulsione nucleare Pietro il Grande (Piotr Veliki), appartenente alla flotta del Nord, nonché aerei ed elicotteri dell’aeronautica russa e della DCA, erano partiti il loro esercizio nel Mare di Barents.

Jens Stoltenberg

il segretario generale dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico, ha recentemente affermato che la NATO rimarrà vigile e continuerà a rafforzare la sua politica di deterrenza e sostegno agli alleati in quelle che ha definito “preoccupanti” le azioni della Russia.

Nelle ultime settimane, gli ucraini hanno accusato la Russia di dispiegare truppe attorno al confine comune e hanno affermato che i separatisti stavano sistematicamente violando il cessate il fuoco nell’Ucraina orientale, con conseguente aumento dell’intervento occidentale e tensioni tra Russia e NATO.

In questo contesto, vale la pena chiedersi se l’incontro Blinken/Lavrov sia l’inizio di un allentamento della tensione?

Nulla è meno certo in quanto solo poche ore dopo

sono cadute le prime sanzioni anti-Nord Stream II. Da qui le parole particolarmente significative del ministro della Difesa russo, secondo il quale le forze armate russe hanno superato gli eserciti più potenti al mondo in termini di moderna tecnologia nelle forze nucleari strategiche.

Il livello di modernità delle forze nucleari strategiche russe è dell’86%. Nessun altro esercito al mondo ha questo livello.

In un’intervista al giornale Kommersant, Medvedev ha dichiarato che l’attuale rapporto tra Russia e Occidente è peggiore che durante la guerra fredda.

Non sto parlando di una situazione come la crisi dei Caraibi, quando tutto era appeso a un filo. Ma in alcuni momenti la situazione attuale è peggiore, e lo è perché i nostri partner partono dal presupposto che la Russia possa essere considerata trascurabile.

 

Leggi anche:

Simulazioni di guerra della Polonia: si vuole provocare la Russia?

Condividi quest'articolo su -->

Cerca ancora

Ipotesi Covid19 creato ad hoc: prima una bufala e adesso viene sdoganata

Dopo aver ridicolizzato per mesi Trump, additandolo come “pazzo complottista”, adesso l’intera casta sacerdotale custode …