Home / Affari di Palazzo / Esteri / Simulazioni di guerra della Polonia: si vuole provocare la Russia?

Simulazioni di guerra della Polonia: si vuole provocare la Russia?

Polish honour guard march during the opening ceremony of the the Anaconda-16 military exercise in Rembertow, June 6, 2016. Poland prepared to kick off its largest-ever military exercises involving NATO partners, amid the West's worst standoff with Russia since the end of the Cold War. / AFP PHOTO / MAREK JEZIERSKI

Condividi quest'articolo su -->

“Alla fine di gennaio, l’esercito polacco ha condotto un gioco di guerra che simulava un conflitto generale tra Polonia e Russia. Soprannominata “Winter-20“, la simulazione ha coinvolto diverse migliaia di ufficiali polacchi che hanno supervisionato la guerra virtuale tra le due nazioni”.

di Maurizio Blondet

“Il gioco di guerra incorporava tutte le armi più recenti dell’esercito polacco, incluso il caccia F-35. Al termine della simulazione, dopo cinque giorni di “conflitto”, l‘esercito polacco era stato completamente disfatto, le sue unità combattenti subivano perdite tra il 60 e l’80 per cento, e l’esercito russo si trovava sulle rive del fiume Vistola, pronto ad occupare Varsavia”.

Così Scott Ritter su RussiaToday. E’ il caso di ricordare che Ritter, ex ufficiale dell’intelligence dei Marines, è stato a lungo ispettore nell’Unione Sovietica per la verifica dei trattati INF (non proliferazione), ed ha scritto un libro sulla pericolosa deformazione del pensiero strategico USA dovuta alla tentazione ossessiva di “usare” la Bomba (“SCORPION KING : America’s Suicidal Embrace of Nuclear Weapons from FDR to Trump.)

Ora, secondo Ritter: “la Polonia, perdendo una guerra simulata di propria invenzione con la Russia, ha voluto convincere la NATO della sua vulnerabilità. Ciò potrebbe portare a un accumulo di forze militari che innesca proprio il conflitto che i polacchi hanno appena perso”.

Nessuno dubitava della sconfitta delle forze armate polacche

Non occorreva alcun gioco di guerra. “L’esercito polacco, è in ritardo in quasi tutte le categorie di generazione di potenza combattiva, nonostante abbia speso miliardi di dollari per la modernizzazione e l’allargamento.

La revisione annuale della difesa Global Firepower (GFP) per il 2021 valuta le forze militari di 139 paesi in tutto il mondo, sulla base di una moltitudine di fattori in relazione a una campagna militare offensiva o difensiva prolungata: la Polonia è classificata al 23° posto nel mondo.

Per confronto, la Francia è al 7° posto, i britannici all’ottavo, i tedeschi al 15°. La Russia è al 2 ° posto Solo gli Stati Uniti hanno un indice di potenza più elevato. Ma la maggior parte delle forze armate statunitensi ha sede negli Stati Uniti continentali e impiegherebbe mesi per essere schierata in Europa, mentre la Russia opera per linee interne. La debolezza militare della NATO è ben documentata e la realtà atrofizzata delle sue forze di terra è un fatto noto”.

Interessante (per noi che abbiamo letto Irlmaier), proprio in risposta all’aggressività NATO “la riconfigurazione dell’esercito russo che ha abbandonato le formazioni a brigata per conflitti minori per far rinascere formazioni di epoca sovietica come la Prima Armata di carri armati e la 20 °Armata di armi combinate”.

“Un arco di territorio aperto che collega la Polonia con la Lituania

è stato identificato dagli strateghi della NATO come una probabile via di attacco da parte delle forze russe per di isolare i paesi baltici dal resto della NATO. Il limite settentrionale del Suwalki Gap è definito dall’exclave russa di Kaliningrad, il suo confine meridionale confina con la Bielorussia”.

Lì, gli USA hanno “riversato truppe e materiale nella regione polacco-baltica in quantità che alla fine costituiranno una valida capacità militare offensiva. Le manovre militari necessarie per accelerare i rinforzi al Suwalki Gap sono identiche a quelle che sarebbero eseguite nel caso in cui la NATO intraprendesse operazioni offensive contro Kaliningrad o la Bielorussia”.

Mosca sta vedendo in questi mesi grossi convogli di armamento pesante e truppe in movimento su treni verso i suoi confini (per rafforzare l’immaginario “varco”); in più ha visto il primo bombardamento della Siria ordinato da Biden, e inoltre, in sincronia, il regime di Kiev ha ripreso a sparare con mortai (della NATO) sui civili a Luhansk.

“Uniamoci l’atteggiamento aggressivo della NATO

riguardo agli affari interni della Bielorussia e alla promessa che l’Ucraina diventi un membro della NATO, il risultato è una minaccia militare che la Russia non può ignorare”, dice Ritter.

Il quale poi espone il suo incubo storico di ispettore della non-proliferazione: l‘auto-narrativa NATO, americana e polacca di essere “debole” di fronte alla “aggressione russa” che “dilaga” in Polonia, serva a giustificare psichiatricamente “le armi nucleari tattiche e, più precisamente, una nuova testata nucleare a bassa potenza montata su missili balistici lanciati da sottomarini. Queste armi non solo non sono state progettate soltanto come deterrente, ma il loro uso è stato effettivamente agito in giochi di guerra ipotizzando un conflitto NATO con le forze russe in Polonia e nei Paesi Baltici”. 

Ritter cita un articolo

di National Interest che attribuisce alla Russia la dottrina di “usare armi nucleari per difendere il territorio che conquista e controlla”. Ma la dottrina nucleare russa non afferma nulla del genere; e le dichiarazioni pubbliche del presidente russo Vladimir Putin riaffermano la posizione nucleare ufficiale della Russia: una massiccia rappresaglia nel caso in cui le armi nucleari vengano mai utilizzate contro il territorio russo.

Certo, dice, che “se la NATO facesse uso delle atomiche tattiche a basso rendimento per “difendere” la Polonia che nessuno minaccia , molto probabilmente la Russia risponderebbe con un massiccio attacco nucleare contro gli Stati Uniti e la NATO. Questo esito dovrebbe essere meditato da coloro nello stato maggiore polacco che stanno contribuendo a plasmare eventi che, se lasciati incontrollati, potrebbero benissimo portare alla fine del mandato dell’uomo sulla terra”.

(Noi che abbiamo letto Irlmaier, intravvediamo che quel che vide – la triplice avanzata di corazzati russi velocissima attraverso la Polonia e la Germania (indifese) come coltelli nel burro, acquista senso tattico; scongiurare una risposta nucleare occupando suolo tedesco, “alleato”).

 

Leggi anche:

L’espansione della Nato continua nonostante il coronavirus

Condividi quest'articolo su -->

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

La vergognosa fuga americana dall’Afghanistan

Per vent’anni, Bagram è stata la più importante base militare aerea USA in Afghanistan. Gli …