Home / Affari di Palazzo / Economia e finanza / Il modello FCA: ottenere prestiti statali e distruggere la domanda interna

Il modello FCA: ottenere prestiti statali e distruggere la domanda interna

Condividi quest'articolo su -->

Dopo aver ottenuto il controverso prestito da 6 miliardi e mezzo e raggiunto l’accordo con Peugeot, FCA ha condito il suo piano di impoverimento statale con la proverbiale ciliegina: l’erede della Punto sarà infatti assemblata in stabilimenti polacchi, usando componenti francesi.

Ci hanno raccontato per mesi che senza MES o altro tipo di prestito dell’unione europea, non si può tirare fuori un euro per la ripresa. Hanno addirittura ridotto di due terzi l’emissione di titoli di stato rispetto alla media degli ultimi dieci anni, solo per poter ridurre ancora la liquidità.

Poi per magia escono dal cilindro 6 miliardi e mezzo di euro (un sesto di quelli miracolosi del MES che avrebbero salvato l’Italia) e li danno ai poverini di FCA che sono tanto in difficoltà dopo la fusione con i francesi e lo stabilimento della sede fiscale in Olanda. Dopodiché, per ringraziarci di tanto amore nei loro confronti spostano la produzione di uno dei loro modelli più diffusi in Polonia. Usando componentistica francese.

Quindi non solo si portano via entrate allo stato italiano spostando la sede in un paradiso fiscale dell’eurozona, non solo si intascano 6 miliardi e mezzo che potevano servire per ridare slancio all’economia reale, ma delocalizzano per succhiare altra linfa vitale al mondo del lavoro e alla classe media. Queste sono cose perfettamente calcolate, non pensiate mai che accadano per caso.

Abbiamo così la creazione di nuovi fasce di inoccupati, che comprimeranno ancora la domanda interna, mentre le grandi aziende che per decenni sono state finanziate dallo stato delocalizzano all’estero; prendendo quei fondi, facendoli di fatto sparire dal paese, togliendo altro denaro dall’economia reale ed alimentando all’infinito il circolo vizioso che sta soffocando l’economia italiana.

Inoltre, sottraendosi ai loro doveri erariali sposteranno altro gettito fiscale sulla classe media che dovrà compensare con tasse e balzelli diretti ed indiretti l’ammanco delle casse statali, perchè si sa che c’è il debito ecc ecc. Tutto come è stato previsto per sudamericanizzare l’Italia.

di R.I.

Condividi quest'articolo su -->

Cerca ancora

La missione degli antiliberisti contro la politica gossip

Non è che il liberismo usi il gossip; il liberismo “è” il gossip, ossia superficialità, …