Home / Vicolo / Padova evirato dal figlio della convivente

Padova evirato dal figlio della convivente

Condividi quest'articolo su -->

PADOVA – La Polizia del capoluogo euganeo sta tentando di accertare le ragioni che hanno originato la violenta aggressione scaturita in ambito familiare e subita da un 50enne nel suo appartamento in via Pontevigodarzere a Padova.

Il fatto è accaduto nel tardo pomeriggio di mercoledì. La vittima delle percosse, che lo hanno ridotto in gravi condizioni, un italiano di mezza età, che si trovava in casa quando sarebbe stato raggiunto dal figlio 17enne della convivente, una 45enne moldava in quel momento fuori a fare la spesa, che gli si sarebbe avventato contro, colpendolo più volte alla testa e alle parti intime con un ferro da stiro e un coltello da cucina, al punto da causargli lesioni irreversibili ai genitali.

Immediato l’allarme ed i soccorsi che hanno visto impegnati i sanitari del Suem 118, pare chiamato dallo stesso 50enne, che è stato trasportato d’urgenza all’ospedale, in gravi condizioni, ma non in pericolo di vita. Le indagini, affidate alla Squadra Mobile di Padova, hanno portato nella nottata all’individuazione, in stazione ferroviaria, mentre stava per lasciare in treno la città, del minore, sospettato di essere l’aggressore e su cui pende la pesante accusa di tentato omicidio.

Il giovane, che da soli 3 mesi aveva raggiunto la madre in Italia, aveva un biglietto in tasca, su cui si era appuntato gli orari dei treni e delle città da raggiungere, e stava per fuggire per far perdere le sue tracce. Il fermo di polizia giudiziaria è stato eseguito dagli agenti della Mobile, coordinati dal pm Sergio Dini e dalla dottoressa Alina Rossato, della Procura dei Minori di Venezia.

Il ragazzo si trova detenuto presso il carcere minorile di Treviso, dove si trova a disposizione dell’autorità giudiziaria. Restano intanto gravi, ma in via di miglioramento, le condizioni del 50enne aggredito.

Una vicina di casa ha riferito di aver udito un forte trambusto provenire dall’abitazione dell’uomo, dov’era in corso una furibonda lite, prima della mattanza, avvenuta tra la cucina e l’ingresso. L’appartamento, tutto a soqquadro, è stato esaminato dalla scientifica. Sequestrati il coltello e il ferro da stiro, nonché gli abiti indossati dal 17enne e il suo telefono cellulare. Risale alla scorsa domenica un intervento della volante nella stessa abitazione per lite, subito sedata all’arrivo degli agenti.

Condividi quest'articolo su -->

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

Raggi assolta anche in Appello per falso accusa il Governo di far solo chiacchiere

Pensate che ci sia un solo italiano non pentastellato, uno solo, che dopo la conferma …