Home / Altre rubriche / Bagattelle / L’«okkupazione» cinque stelle

L’«okkupazione» cinque stelle

Condividi quest'articolo su -->

Secondo il più scontato copione “liceale”: passato il primo mese, si procede all’occupazione (se si preferisce, con uno spruzzo di 70’s style: okkupazione). Dalla chiusura dei lavori parlamentari fino a mezzanotte meno un minuto, i deputati del Movimento 5 Stelle, occupano l’Aula di Montecitorio. Dicono loro, “per dare un senso alla riappropriazione del Parlamento da parte di cittadini, leggendo brani della Costituzione e del regolamento“. Chissà che sia, per loro, un’utile occasione per studiarli un po’.

Chiedono che si proceda subito a dare il via alle Commissioni. L’Italia avrebbe bisogno, secondo loro, di “un Parlamento in pieno esercizio, senza l’attività legislativa bloccata”. Insomma, la crisi si risolve con un po’ di nuove leggi. E, magari, con il 6 politico.

Intanto, sempre alla Camera, Bersani e Berlusconi si sono incontrati per parlare di Quirinale. Si cerca un “presidente eletto con largo consenso”. L’avvio di un percorso non proprio segnato dalla fiducia. Per rimanere in ambito liceale, recuperando un po’ di classicismo, i due principali partiti pensano l’un l’altro (ed anche al proprio interno): Timeo Danaos et dona ferentes”.

Se dovesse passare di lì la politica (quella vera), avvisateci.


Marco Margrita

Condividi quest'articolo su -->

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

Le panzane “intellettuali” sull’Esercito Europeo

Ho letto sul Corriere della Sera un pezzo di Paolo Mieli che considero davvero illuminante. …