Home / Affari di Palazzo / L’urgente necessità di una redistribuzione delle ricchezze interne

L’urgente necessità di una redistribuzione delle ricchezze interne

Condividi quest'articolo su -->

In Italia il 60% meno abbiente detiene appena il 13% della ricchezza nazionale. Ma allora perché gli intellettuali antisistema, prima di teorizzare ambiziose rivoluzioni su scala internazionale, non si concentrano sulla necessità di una redistribuzione all’interno dei nostri confini?

di Pierluigi Fagan

Se prendete i dati di ricchezza nazionale complessiva e li dividete per la popolazione avrete il Pil pro-capite, un semplice indicatore statistico alquanto brutale che ha anche una versione più statisticamente sofisticata che è quello dell’indice di Gini ovvero l’indicatore dell’indice di diseguaglianza sociale interna alle singole società.

A dati IMF 2018, il Pil pro-capite degli Stati Uniti d’America è più o meno della stessa fascia di Norvegia, Islanda, Danimarca e Svezia, il quartetto nord europeo che da anni ed anni risulta sempre ai primi quattro posti di vertice per indice di democrazia e felicità.

Ma senza qui gravare l’esposizione coi dati di Gini, in via di percezione empirica immediata, vi sarà chiaro che l’assetto di diseguaglianza interna della società americana non è quella scandinava, sono due casi ben precisi ed opposti della analisi sociologica, da sempre. I circa 60.000 dollari annui pro-capite di quella fascia negli USA sono solo una risultante statistica, nei paesi scandinavi si avvicinano molto alla realtà effettiva.

L’Italia, non solo ha un valore medio statistico di poco più della metà, ma per indice di uguaglianza interna, in Europa, è al 23° posto su 27, il 60% meno ricco detiene solo il 13,3% della ricchezza nazionale.

Vi potreste domandare allora perché mai in Italia i critici teorici del sistema continuano a parlare di uscita dal capitalismo o dall’Unione e dall’euro, quando come minimo potrebbero almeno cominciare col porre sotto accusa l’iniquo modo di ridistribuirci la ricchezza internamente, che è cosa che dipende solo ed esclusivamente da noi.

Se dopo esservi fatti la domanda avete da candidare una risposta, postatela qui. Trovo sia un caso interessante di cecità selettiva e stupidità delle nostre immagini di mondo. Quello che si può fare non lo facciamo così possiamo dedicarci con entusiasmo a teorizzare quello che è molto più improbabile poter fare. Il che porterebbe ad un’altra domanda: a che servono gli intellettuali?
Condividi quest'articolo su -->

Cerca ancora

DDL Zan: contrasto alla discriminazione o fabbrica di nuovi privilegiati?

Si fa un gran parlare in questi giorni del DDL Zan, che nelle intenzioni del …