Home / Vicolo / Treno fermo per suicidio sui binari: Caterina resta senza ossigeno

Treno fermo per suicidio sui binari: Caterina resta senza ossigeno

Condividi quest'articolo su -->

PADOVA – Martedì scorso, verso mezzanotte, il treno che percorreva la linea ferroviaria Brescia – Padova è stato costretto a fermarsi a causa di un suicidio sui binari.

A bordo del convoglio viaggiava  Caterina Simonsen, la ragazza padovana affetta da 4 rare malattie genetiche, costretta a rimanere attaccata ad una bombola d’ossigeno per respirare.
A causa della fermata non prevista del treno, l’ossigeno all’interno dell’apparecchiatura è venuto così a mancare, e a quell’ora non era possibile chiamare la Croce Verde.

Caterina ha raccontato tutto sulla sua pagina Facebook: una persona si getta sui binari, il convoglio si ferma, l’ossigeno si esaurisce. Il capotreno chiama il 118 ma l’ambulanza della Croce Verde non può spostarla fino a Padova, quindi la ragazza finisce ricoverata in ospedale a Brescia, per trascorrere la notte, in attesa, martedì mattina, di essere riaccompagnata in ambulanza a Padova.

La giovane, autrice anche di un libro, “Respiro dopo respiro”, che racconta la sua storia, è nota per essere divenuta bersaglio degli animalisti a causa della sua campagna pro-sperimentazione animale.

Condividi quest'articolo su -->

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

Raggi assolta anche in Appello per falso accusa il Governo di far solo chiacchiere

Pensate che ci sia un solo italiano non pentastellato, uno solo, che dopo la conferma …