Home / L'Elzeviro / 8 marzo festa discriminante

8 marzo festa discriminante

Condividi quest'articolo su -->
Ancora oggi l’otto di Marzo viene troppo spesso considerato come trionfo del femminismo, dove ci si regala le mimose e alcune donne, tra le quali quelle che durante il resto dell’anno piegano la testa alle prepotenze ancora molto in voga (di oggi la notizia di due “femminicidi”), soggiogate da situazioni familiari scomode e tenute nascoste.
 

Certune donne che cercano nell’otto di Marzo la vendetta di genere, sminuendo l’immagine maschile con la ricerca di spogliarelli maschili e serate-pettegolezzo tra signore. Il vero significato, ormai desueto e comunque criticabile nella sua essenza, è quello di ricordare le donne che sono state disposte a rischiare e perdere la vita per battersi per qualcosa di importante e per l’eguaglianza. Le stessa eguaglianza che oggi, con questa festa discriminante, in assenza di una festa dell’uomo che sarebbe altrettanto becera, appare non garantita.
 

A parte quindi la diffusa ignoranza sull’origine della festa in questione, la mimosa alimenta il mercato dell’illegalità: i cosiddetti “rosari” (in questo caso “mimosari”) ambulanti fanno affari d’oro al semaforo e nelle birrerie la sera, quando poi c’è la fortuna che la festa capiti nel fine settimana: oggi è sabato, che sollievo!
 

Nel 2014 appare, oltreché limitativo (le donne, gli uomini ed i bambini vanno rispettati tutto l’anno) addirittura umiliante dedicare un giorno per tutelare i diritti di una categoria che comprende metà della popolazione umana, ormai sulla via della definitiva equiparazione. Nel governo italiano ci sono più donne che uomini, ma forse per una supposta persistente inferiorità di genere quest’omaggio ad una recente tradizione ancora oggi appare tollerabile. 
 
Oltre l’illegalità delle vendite in strada di mimose che lasciano un olezzo disgustoso da parte di individui discutibili (anche i Rom del campo lungo Stura a Torino si sono organizzati), dietro c’è un consumismo degno del peggior san Valentino.

La discriminazione razzista non è ammessa: non è nemmeno ammesso constatare la distinzione di razze, o definire delle etnie con i loro nomi, ma la discriminazione sessuale è celebrata dall’Onu come se fosse una cosa carina. Incongruenza mica da ridere… E infatti non ridiamo.
 

Considerando i ripetuti stupri ed assassinii di giovani donne sul suolo del nostro paese avremmo molto più necessità di una educazione civica rivista e fortemente presente nelle scuole superiori, dove al contrario questa materia viene completamente dimenticata, piuttosto di un giorno dedicato alle donne persistente in virtù di una viscida galanteria avallata dalle istituzioni e dai commenti smielati e patetici di politici, politicanti, persone che vogliono sentirsi importanti e ringraziate da donne e ragazze che alle cose di cui sopra, forse, non hanno ancora pensato.

Condividi quest'articolo su -->

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

“Aiutiamoli a casa loro” è uno slogan ipocrita

“Proprio sul filo della frontiera il commissario ci fa fermare. Su quella barca troppo piena …