Home / Affari di Palazzo / Politica interna / Walter Ricciardi: il virologo del Pd sbugiardato dall’Organizzazione mondiale della sanità

Walter Ricciardi: il virologo del Pd sbugiardato dall’Organizzazione mondiale della sanità

Condividi quest'articolo su -->

“L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha diffuso in serata una nota per prendere le distanze dalle opinioni del professor Gualtiero Walter Ricciardi e per chiedere ai media di “evitare espressioni che potrebbero suggerire che il professor Ricciardi lavori e/o rappresenti l’OMS”.

di Maurizio Blondet

Ansa:

Coronavirus: Oms prende le distanze da Ricciardi: ‘Sue opinioni non dovrebbero essere attribuite a Oms’

Fra i tanti, basti il commento di Vittorio Sgarbi:

Oggi l’Oms ci dice che Walter Ricciardi, quello che il Governo ci ha presentato come il super esperto dell’Oms, non è dell’Oms e non rappresenta l’Oms. In un paese normale Ricciardi dovrebbe dimettersi”.

Ma no, perché? Le nomine grillin-piddine sono inamovibili. Hanno messo al potere dei veri esperti.

Ma Walter Ricciardi

il super-consigliere che s’è scelto il ministro (della insanità) Speranza, santificato mediaticamente e reso infallibile  dai talk shows in quanto l’uomo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità presso il governucchio, feroce fautore di chiusura totale dell’economia italiana per mesi, cosa è veramente?

Un ex attore di film locali con Mario Merola. Poi laurea in Medicina dell’igiene, la branca facile. Ma gli si deve riconoscere che in una cosa è davvero un esperto senza paragoni:  nel salire, ammanicarsi coi politici e piazzarsi nei posti ben pagati del sottogoverno.

Come l’Istituto Superiore di Sanità, di cui è stato nientemeno che presidente. Carica e stipendione che ha dovuto lasciare nel dicembre 2018, per certe sue nascoste collaborazioni con case farmaceutiche. Come rivelò un servizio di Le Iene, fra l’altro.

Uno dei vaccini per cui ha fatto da consulente, quello contro il meningococco B, è lo stesso per cui Walter Ricciardi si è speso per renderlo obbligatorio nel corso dell’approvazione della nuova legge sui vaccini. A dispetto del parere dello stesso istituto di cui era presidente. Alla fine il vaccino contro il meningococco B è passato solo come fortemente raccomandato.

Come mai il ministro (Senza) Speranza

abbia scelto come suo superconsulente all’epidemia uno con questo incidente, diciamo, nella biografia, e un palese conflitto d’interesse, è un mistero. Anzi una grande storia italiana: di successo. Degli ammanicati, imbucati e parassiti. Quanti tecnocrati italiani, “nominati” dai grillini e dai piddini a posti da 200 mila euro l’anno almeno, sono dei Ricciardi, ossia attori di film di serie C?

Ovviamente una delle benemerenze di Ricciardi agli occhi del PD e metà 5 Stelle, ma anche dell’OMS,  è di essere un vaccinista d’acciaio, nemico ideologico dei no-vax. Perché dietro la tragica manfrina della chiusura dell’Italia  decretata da Conte a nome della Scienza, c’è la lotta ai no-vax. Che rovinano la preparazione all’attesa del vaccino salvifico Bill Gates e la sua invocazione da parte delle masse.

Ma c’è un’altra qualità che cara al sistema piddino e alla dittatura Conte-Gualtieri instaurata, che Ricciardi ha esibito in opportuni twitter. L’obbedienza pronta cieca assoluta alla fazione di potere:

 

 

Leggi anche:

Colao decide le sorti dell’Italia in collegamento da Londra?

Condividi quest'articolo su -->

Cerca ancora

La morte di Adil Belakhdim e l’ipocrisia della retorica dell’accoglienza

La morte del sindacalista Si Cobas Adil Belakhdim dimostra come dei cosiddetti migranti, degli stranieri …