Home / Affari di Palazzo / Politica interna / Santanché a rischio galera: manifestazione contro il burqa

Santanché a rischio galera: manifestazione contro il burqa

Condividi quest'articolo su -->

Con la solita inaudita lentezza tipica della giustizia italiana ecco che saltano fuori inutili processi, nati con il solo intento di dare spazio pubblicitario a certi Pm.

Veniamo al dunque: un Pm di Milano (guarda caso) ha accusato Daniela Santanché di non avere richiesto l’autorizzazione per un sit in di protesta fatto, udite udite, nel lontano 20 settembre 2009 davanti al teatro Ciak di Milano.

Dalla data dell’accaduto al processo sono passati quattro anni e quasi due mesi. Ma soprassediamo un attimo sull’assurdità di tale lentezza e analizziamo la richiesta del Pm, il quale invoca ben un anno di carcere per l’imputata, ovviamente la pena massima per un ipotetico reato del genere.

L’On. Santanché difende la sua posizione sostenendo di avere effettuato personalmente la chiamata al Questore ottenendone l’autorizzazione e aggiungendo inoltre di aver subito un’aggressione fisica da parte di tale Ahmed El Badry, cittadino egiziano. Quest’ultimo, nel corso del sit in, avrebbe colpito con un pugno allo sterno la deputata e ora si ritrova a dover pagare una multa di 2000 euro per l’accaduto.

I due diversi metri di giudizio utilizzati per due reati dalla gravità ben diversa ci fanno comprendere come certi processi siano essenzialmente delle farse, utilizzati sia per pubblicità sia per riscaldare un po’ gli animi degli elettori in un momento in cui il Pdl pare essere più che mai fratturato. Qualcuno dice che la cerchia di Berlusconi sia ossessionata dall’immagine di una magistratura politicamente pilotata, tuttavia è quantomeno strano osservare come i Pm di Milano compaiano in maniera così puntigliosamente costante nelle vicende giudiziarie degli accoliti di Berlusconi.

In mezzo a tutti questi dubbi vi è però una chiara certezza: la giustizia italiana non può perdere oltre quattro anni del suo tempo a stabilire se una telefonata sia avvenuta o meno (oltretutto se di poca rilevanza come in questo caso).

Condividi quest'articolo su -->

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

La morte di Adil Belakhdim e l’ipocrisia della retorica dell’accoglienza

La morte del sindacalista Si Cobas Adil Belakhdim dimostra come dei cosiddetti migranti, degli stranieri …