Home / Affari di Palazzo / Esteri / Il Sudafrica come primo test per il nuovo vaccino

Il Sudafrica come primo test per il nuovo vaccino

Condividi quest'articolo su -->

Il Sudafrica darà il vaccino Johnson & Johnson, a partire dalla prossima settimana, ai suoi operatori sanitari impegnati in prima linea. L’obiettivo è studio vedere quale protezione fornisce dal COVID-19, in particolare contro la nuova variante ormai dominante in tutto il paese. Lo ha riferito mercoledì il Ministro della Salute.

Zweli Mkhize ha dichiarato che il Sudafrica ha abbandonato i piani per utilizzare il vaccino Oxford-AstraZeneca perché “non previene malattie da lievi a moderate” della variante. Il vaccino J&J, distinto dagli altri poiché non ha bisogno di un richiamo, è ancora in fase di test a livello internazionale e non è stato approvato in nessun altro paese.

Mkhize, in un messaggio trasmesso a livello nazionale, ha dichiarato che il vaccino è sicuro, basandosi su test di 44.000 persone effettuati in Sudafrica, Stati Uniti e America Latina. Il farmaco J&J verrà utilizzato per lanciare la prima fase della campagna sudafricana in cui verranno impiegati 1,25 milioni di operatori sanitari del paese, ha detto, aggiungendo che i lavoratori saranno strettamente monitorati.

“Il vaccino Johnson & Johnson si è dimostrato efficace contro la variante 501Y.V2 e sono in corso i necessari processi di approvazione per l’uso in Sudafrica”

Queste dosi saranno seguite da una campagna per vaccinare circa 40 milioni di persone in Sudafrica entro la fine dell’anno. Il paese utilizzerà anche il vaccino Pfizer e altri, inclusi i vaccini Sputnik V russo, Sinopharm cinese e Moderna statunitense, ha detto Mkhize. Il Sudafrica ha acquistato 1,5 milioni di dosi del vaccino AstraZeneca, prodotto dal Serum Institute of India, il primo milione di dosi è arrivato questo mese. Le prime dosi di AstraZeneca sono state destinate agli operatori sanitari in prima linea.

La variante dominante a livello locale è più contagiosa e ha portato a un aggravarsi del COVID-19 che ha causato quasi il doppio dei casi di ospedalizzazioni e decessi sperimentati nell’ondata iniziale della malattia in Sudafrica.                                                                                                 

Il Sudafrica e molti altri paesi africani avevano guardato al vaccino AstraZeneca in quanto più economico e non necessita di conservazione in congelatori ultra freddi. Un’ulteriore complicazione per il paese è che le sue dosi di AstraZeneca sono arrivate con una data di scadenza al 30 aprile, ma Mkhize ha rassicurato che la fornitura sarà continua.                                                                                                                                             

Il paese ha di gran lunga il maggior numero di casi di COVID-19 nel continente africano con quasi 1,5 milioni di casi confermati, di cui quasi 47.000 decessi. Ciò rappresenta il 41% del totale di tutte le 54 nazioni in Africa.                                                                                                        Dopo il peggioramento dagli inizi di gennaio, i casi e i decessi sono ora in calo, ma gli esperti e i medici stanno già avvertendo che il Sudafrica dovrebbe prepararsi per un’altra impennata a maggio o giugno, l’inizio dell’inverno nell’emisfero meridionale.

Condividi quest'articolo su -->

Di Mattia Mollica

Avatar
Studente di Scienze Internazionali dello Sviluppo e della Cooperazione presso l'Università degli Studi di Torino.

Cerca ancora

Macron e il pass vaccinale

Con una mossa controversa e disperata il presidente francese annuncia un provvedimento che, di fatto, …