Home / L'Elzeviro / Viviamo ne “il mondo nuovo” di Huxley

Viviamo ne “il mondo nuovo” di Huxley

Condividi quest'articolo su -->

Viviamo nientemeno che ne Il mondo nuovo di Huxley: lobotomizzati, sprezzanti dei coinvolgimenti emotivi, pronti a fare della fecondazione controllata e su scala globale il futuro della riproduzione. Questo diminuisce le guerre, ma acuisce le nevrosi individuali. Non mancano nemmeno le droghe di stato, alcol e sigarette, né i ribelli derelitti della società. S’intravede purezza nei costumi solo in alcune società retrograde come quella tibetana primigenia, o laddove non arrivi il peso del mondo governato dalla società dell’immagine e dall’imbecillità. Sciocche suggestioni futuriste come la guerra (nelle attuali estrinsecazioni di religione, etnica o sociale) unica igiene del mondo tornano nelle coscienze dei disillusi e disamorati con rinnovata e preoccupante freschezza.

Condividi quest'articolo su -->

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

“Aiutiamoli a casa loro” è uno slogan ipocrita

“Proprio sul filo della frontiera il commissario ci fa fermare. Su quella barca troppo piena …