Home / Altre rubriche / Zibaldone / Nero Tav, la morte ad Alta Velocità raccontata da Giorgio Ballario

Nero Tav, la morte ad Alta Velocità raccontata da Giorgio Ballario

Condividi quest'articolo su -->

Un giallo fitto e contorto tra le montagne della Val Susa e i cantieri del Tav.

  

TitoloNero Tav. Morte ad alta velocità 
 

Autore: Giorgio Ballario 
 

EditoreCordero Editore 
 

Genere: Narrativa Giallo-Noir 
 

Anno: 2014 
 

Pagine: 160 
 

Prezzo: 15 euro 

 

Hector Perazzo, investigatore privato italo-argentino che vive a Torino, si ritrova a dover indagare sulla scomparsa di due giovani attivisti del movimento No Tav. Inizialmente sembra un caso semplice e breve da risolvere anche se man mano che le indagini del detective procedono, i chiari e scuri nelle vite dei due scomparsi, le tensioni in Val Susa contro i cantieri del Tav, gli interessi politici e il giro di affari illeciti dietro agli appalti dell’opera pubblica lo trascineranno in una lunga serie di esperienze e di incontri. Tutto questo, oltre a mettere a rischio la sua incolumità, scuoterà anche la sua coscienza sociale di ex poliziotto mutando molti dei suoi punti di vista sul mondo che lo circonda. 

 

La penna scorrevole dell’autore e la descrizione accurata dei personaggi, degli ambienti e dei contesti della vicenda permettono al lettore di sviluppare notevole attenzione nella lettura nonché curiosità nel seguire l’intreccio della storia, in particolare per il lettore amante del genere giallo/noir. La rappresentazione a tutto tondo rende i personaggi all’altezza della trama e fedeli alla realtà di tutti i giorni senza però avvicinarsi troppo agli stereotipi; i colpi di scena non mancano e rendono viva la trama che si conclude con un finale alquanto imprevedibile, ma non inverosimile. 

 

Spesso si è abituati a leggere e vedere storie simili in libri, cronache e pellicole più straniere che italiane, o se italiane comunque difficilmente ambientate tra Torino e dintorni. Questo di fatto mette in luce non solo l’opera in questione e l’impegno del suo autore, ma anche quelle degli altri autori di Torinoir, il gruppo di giallisti torinesi nato circa un anno fa con l’intento di raccontare le storie del capoluogo subalpino tramite romanzi gialli-noir riprendendo l’eredità letteraria di Carlo Fruttero Franco Lucentini. 

  

@ArioCorapi

Si ringrazia Cècile Ciamporcero per il contributo offerto al lavoro.

Condividi quest'articolo su -->

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

Attentato alla democrazia: il diritto si rivolta contro i cittadini

Caso maxi antenna 5G nel cortile di una scuola a Frossasco. I genitori preoccupati intentano …