Home / Affari di Palazzo / Politica interna / Se il 15% di onesti e determinati nel M5S prendesse il controllo…

Se il 15% di onesti e determinati nel M5S prendesse il controllo…

La più celebre frase del discorso di insediamento di Kennedy era in realtà un ambiguo slogan neoliberista ante litteram, che sostanzialmente marginalizzava lo Stato autorizzandolo a fregarsene dei cittadini ed esortava questi ultimi a un impegno esclusivamente dipendente dalle loro buone disposizioni:

Non chiedete cosa può fare il vostro paese per voi, chiedete cosa potete fare voi per il vostro paese.

No, non sono d’accordo: i cittadini devono pretendere che lo Stato faccia molto per loro e lo Stato deve pretendere che i cittadini facciano il loro dovere, volenti o nolenti, altro che chiedersi cosa potrebbero fare se proprio gli andasse.

Però, opportunamente parafrasate, le parole di Kennedy spiegano molto bene il funzionamento dei partiti politici e i pentastellati dovrebbero impararle a memoria e ripetersele spesso. È ora che parecchi di loro la smettano di lamentarsi del fatto che il M5S non faccia o non riesca a fare abbastanza per loro (sostanzialmente, in pochi mesi, tutto quello che per decenni nessuno ha fatto, senza provocare sommosse e neppure risentimenti nella maggior parte degli italiani), e invece si impegnino politicamente e civilmente in prima persona, quotidianamente e senza alcuna speranza di ricompense a breve termine.

Non è da tutti e infatti era prevedibile che una volta scoperto che il M5S non elargiva privilegi e piccoli favori come i tipici partiti clientelari che hanno messo in ginocchio il paese, gli opportunisti (anche quelli che non si sentono tali ma semplicemente pensano di meritare quei privilegi o che quei favori gli siano dovuti) tornassero all’ovile appena lasciato.

Ma un 10-15% di militanti e sostenitori determinati e disposti a fare qualcosa per il movimento e attraverso di esso per l’Italia invece che solo a chiedere, sarebbe più che sufficiente, no, non per cambiare istantaneamente le cose, ma per iniziare il cambiamento. Ci vorranno sacrifici, coraggio, lucidità, abnegazione, organizzazione e soprattutto tenacia e volontà. Per chi vuole tutto e sùbito, a chiacchiere naturalmente ma a molti bastano, ci sono già la Lega e il Pd.

Di Francesco Erspamer

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

“Gesù era ebreo”, e un consigliere leghista si sente offeso

Ma a sinistra non stanno messi meglio… Certo, il consigliere leghista di Trieste, Fabio Tuiach, …