Home / Affari di Palazzo / Politica interna / Manuale d’istruzione per le candidate nella Lista Monti

Manuale d’istruzione per le candidate nella Lista Monti

Condividi quest'articolo su -->

Le donne “scelte” da Monti devono dimostrare rigore e austerità anche nell’abbigliamento. Le regole sono chiare: sobrietà, pochi colori, niente trucco e gioielli. C’è da aspettarsi che disegni lui stesso anche le divise che devono “rigorosamente ” indossare. Anche il comportamento da tenere con i giornalisti è menzionato nel manuale.

Rapporti limitati all’essenziale, improntati al rigore ed alla cortesia, senza sbavature. Forse è questa la vera novità del suo programma, perché in economia è già tutto chiaro e la sottomissione ai mercati è fuori discussione. È certo che Monti non farà promesse ai cittadini in campagna elettorale, le ha già fatte alla UE e le manterrà (se gli verrà data l’occasione). Nemmeno il fondatore di “Repubblica”, il quasi novantenne Eugenio Scalfari, è stato benevolo con lui. Con molto garbo ed estrema educazione, ha sottolineato che “non decolla”, e che molti sondaggi danno il suo partito al 6%, quello di Casini al 4% e Fini all’1%. Magro bottino per colui che credeva di far genuflettere gli Italiani con la sua conoscenza delle lingue straniere e la sua cultura economica bocconiana. Evidentemente qualcosa non ha quagliato se c’è una recessione da dopoguerra e Bankitalia prevede per quest’anno una disoccupazione al 12% ed un calo ulteriore del PIL.

O è colpa delle sue scelte, o l’economia è sbagliata. E’ ormai chiaro che ci hanno fatto vivere nella cultura della moneta a debito (che dobbiamo pagare al prezzo di facciata e non al costo effettivo) e che ce l’hanno inculcata come un dogma religioso indiscutibile, ma la realtà depone a favore di una schiavitù imposta nei confronti dei banchieri, che piano piano vogliono fagocitare il mondo intero. Chi scrive fa notare che persino nella costituzione è taciuto il 4° potere (finanziario-monetario),di gran lunga più pregnante di quello esecutivo, legislativo e giudiziario. Ovviamente, già i padri costituenti ritennero opportuno non sfiorare l’argomento nemmeno di striscio. Che Dio protegga l’Italia ed illumini i cittadini nelle prossime elezioni. Per quanto riguarda le donne , dovrebbero “ammutinarsi”, affinché il “manuale” non venga divulgato e sottoposto alla derisione. Su eleganza e buon gusto siamo tutti d’accordo, ma regole per varcare la soglia del parlamento non rappresentano una novità, ma un’assurdità senza precedenti

Giuseppe Franchi – Naa: Movimento “noi automobilisti antieuropeisti”.

Condividi quest'articolo su -->

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

Attacco alla pasta molisana: l’ultima follia del politicamente corretto

Non ho seguito molto bene la vicenda della Pasta molisana (peraltro buonissima), ma mi pare …