Home / Affari di Palazzo / Politica interna / Mr. “pensione d’oro” Amato giudice costituzionale

Mr. “pensione d’oro” Amato giudice costituzionale

Condividi quest'articolo su -->

L’ennesima beffa del presto dimissionario Presidente della Repubblica.

Napolitano ne sta combinando un po’ troppe, di questi tempi. Prima di abbandonare il soglio regale il nostro Napolione sta elargendo favori e poltrone, vitalizie o di gran stoffa, come quelle dei neoeletti senatori a vita, alcuni discutibili, e la scelta assurda, quella odierna, di nominare Giuliano Amato (31 mila euro di pensione mensili) giudice della Corte costituzionale.

Quella stessa Corte che ha recentemente bocciato il tentativo dell’Esecutivo di tagliare le pensioni d’oro, bollandolo come incostituzionale e garantendo così ad Amato stesso 62 mila euro (avete letto bene) di pensione alla fine del mese scorso, per un cumulo di erogazione a suo favore, sbloccato dalla sentenza stessa. Il conflitto di interessi si palesa come pressante ed insopportabile.

Appare incredibile l’affaccendarsi in nomine inutili o pretenziose da parte di Napolitano, in spregio alla stessa Costituzione, stando alla più credibile lettura del testo costituzionale che vorrebbe un numero di cinque senatori a vita in totale e non un numero minimo di cinque eletti da ogni presidente.

Condividi quest'articolo su -->

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

Le ragioni del NO di Augusto Sinagra

Nell’eterna diatriba tra la necessità di snellire l’apparato legislativo e il rischio di svilire il …