Home / Affari di Palazzo / Esteri / America la Ripugnante: l’assassinio di capi stranieri è un atto di guerra

America la Ripugnante: l’assassinio di capi stranieri è un atto di guerra

C’era una volta una Costituzione degli Stati Uniti. Nell’articolo II, sezione 2, si stabiliva che solo il Congresso degli Stati Uniti ha il potere di dichiarare guerra, il che significa che il presidente americano deve rivolgersi all’organo legislativo e presentare una causa per andare in guerra contro un nemico o dei nemici.

di Philip Giraldi (traduzione a cura di Costantino Ceoldo)

Se c’è un voto a favore della guerra, il presidente è autorizzato come comandante in capo a dirigere le risorse disponibili contro il nemico.

C’è anche qualcosa chiamato diritto internazionale. Secondo il diritto internazionale ci sono situazioni in cui un capo di stato o capo di governo può usare la forza militare in modo difensivo o addirittura preventivo se c’è una minaccia sostanziale imminente. Ma normalmente, un Paese deve seguire una procedura simile a quella della Costituzione degli Stati Uniti, il che significa sostenere che la guerra è giustificata prima di dichiararla. I tribunali di Norimberga hanno stabilito che l’inizio di una guerra di aggressione è l’ultimo crimine.

Il presidente ha già dichiarato

di non aver bisogno dell’approvazione del Congresso o di chiunque altro per avviare ulteriori operazioni militari contro l’Iran in Medio Oriente, anche se l’azione intrapresa è “sproporzionata”. Nel frattempo lui, il Dipartimento di Stato e il Pentagono affermano tutti, senza presentare alcuna prova al pubblico, che il maggiore generale iraniano Qassem Soleimani stava pianificando attacchi che avrebbero ucciso “centinaia di americani” come un casus belli che giustificasse il suo assassinio.

La Casa Bianca sta anche affermando che l’omicidio è stato fatto per “fermare una guerra”, il che non ha senso nemmeno provenendo dal cervello agitato e condizionato dai tweet di Donald J. Trump. E se si nutrono ancora sospetti che Trump possa effettivamente essere di sano mente, è possibile ascoltarlo il giorno dopo l’assassinio mentre parla ad un raduno dei suoi sostenitori in una chiesa evangelica in Florida. Ha detto alla folla esultante che

“Dio è dalla nostra parte” e che Soleimani “…stava pianificando un attacco molto grave e noi l’abbiamo beccato”.

Il pubblico è impazzito in segno di approvazione, cantando “altri quattro anni”.

Tali momenti toccanti di una forte leadership

proveniente dagli speroni ossei del presidente e giustificazioni simili per un omicidio che affiorerà nei prossimi giorni semplicemente a naso non quadrano. Spostate l’attenzione dal Pentagono e dalla propaganda dei media e tutto ciò che resta è che gli Stati Uniti hanno ucciso illegalmente e apertamente un alto funzionario di un Paese con il quale non sono in guerra e lo hanno fatto senza il consenso del Paese terzo in cui ha avuto luogo l’assassinio, Paese pure con il quale anche gli Stati Uniti non sono in guerra. L’assassinio non era in realtà basato su alcuna minaccia imminente ed è quindi illegale ai sensi del diritto internazionale ed è innegabilmente un atto di guerra incostituzionale diretto contro l’Iran e l’Iraq.

Ciò che è particolarmente bizzarro del Trump-pensiero su questo tema è che l’assassinio è stato eseguito apertamente proprio in un Paese con il quale gli Stati Uniti hanno avuto fino all’ultimo rapporti amichevoli e che consente ai soldati americani di basarsi sul suo territorio. A giudicare dalle folle di manifestanti riuniti a Baghdad per protestare contro l’omicidio, sta per avere termine un accordo abbastanza comodo. E finirà anche il coinvolgimento americano nella vicina Siria, che sarà insostenibile senza una presenza in Iraq. Questa è l’unica buona notizia che viene fuori dall’assassinio.

Per andare sul sicuro

le Nazioni in guerra provano e talvolta riescono ad assassinare i leader nemici, e si sa anche che i servizi di intelligence di vari Paesi uccidono politici stranieri che sono considerati minacciosi. Il migliore amico degli Stati Uniti, Israele, guida il mondo in questa statistica. Ma le agenzie di spionaggio fanno i loro errori su una base di plausibile diniego, il che significa che i Paesi che commettono omicidi fanno ogni sforzo per oscurare il loro ruolo e consentire la negabilità.

La differenza in ciò che la Casa Bianca ha fatto ora è che si è fatto un altro passo avanti nel processo in cui gli Stati Uniti stanno diventando completamente disonesti. Tutto è iniziato quando George W. Bush ha avvertito che “sei con noi o contro di noi”. Barack Obama ha successivamente lavorato sulle sue liste di uccisioni del martedì mattina (liste che includevano cittadini americani) e la Casa Bianca di Trump ha ora ampliato quella licenza, affermando che può agire in completa impunità e dichiarare apertamente di uccidere chiunque, in qualsiasi momento e ovunque, senza un giusto processo o qualsiasi causa o responsabilità dimostrata.

Donald Trump dovrebbe essere consapevole

del fatto che c’è un notevole svantaggio nella tigre che ha lasciato uscire dalla gabbia. Cosa farà se i “nemici” in tutto il mondo decidono di copiare l’esempio di Trump e uccidere diplomatici, soldati e turisti americani perché si oppongono alle politiche statunitensi? E se alzassero un po’ il precedente ed uccidessero alti ambasciatori, membri del Congresso e riuscissero persino ad uccidere uno o due membri del gabinetto presidenziale? Trump nella sua follia ha invitato la reciprocità e ha persino concesso a coloro che uccidono una certa immunità se stanno sostenendo che lo stai facendo per fermare qualcosa di peggio, cioè la guerra.

Infine, se l’obiettivo dell’assassinio fosse stato chiunque non fosse un iraniano, il nemico di Israele, si può contare sul fatto che ci sarebbe stato un inferno da pagare con il Congresso e che i media per Trump sarebbero andati completamente fuori dai binari. Assassinare un leader straniero come una nuova politica del governo degli Stati Uniti deve essere un’offesa incommensurabile. Dimenticate l’ostruzione alla giustizia e la collusione con gli stranieri: l’assassinio è il vero punto e se non costituisce un crimine elevato, è difficile per uno immaginare cosa possa esserlo. Mettiamo con ogni mezzo Trump sotto impeachment basandoci su ciò che ha effettivamente fatto, non sulla speculazione su ciò che potrebbe aver fatto.

Il segretario di Stato Mike Pompeo ha ripetutamente giustificato la “estrema pressione” statunitense diretta contro Teheran, chiedendo che la Repubblica islamica prendesse provvedimenti per diventare un “Paese normale”. La vera domanda dovrebbe essere: “Quando diventeranno normali gli Stati Uniti d’America?”

Leggi anche:

Inizia la guerra di Trump contro l’Iran

Cerca ancora

Facciamo chiarezza: non è vero che il Regno Unito ha abbandonato l’Erasmus

Ho appena sentito un dirigente del consorzio interuniversitario Almalaurea dire che l’uscita del Regno Unito …