Home / Affari di Palazzo / Politica interna / Lega spaccata: Tosi a Torino per sostenere il “dissidente” Albano

Lega spaccata: Tosi a Torino per sostenere il “dissidente” Albano

Condividi quest'articolo su -->

TORINO – Flavio Tosi non è il Segretario della Lega Nord, ma il suo nome è tra quelli più di spicco nel movimento: in Veneto il sindaco di Verona è un’istituzione; il suo, uno dei pochi feudi mantenuti strettamente e senza gli scossoni che negli ultimi tempi hanno investito la politica “padana”. Tosi è inoltre segretario di quella Liga Veneta ossatura principale della Lega Nord e recentemente è stato al centro delle cronache nazionali schierandosi a difesa degli incarcerati con l'(assurda) accusa di terrorismo, quegli indipendentisti che con uno sparapatate parlavano, sconvolti da uno stato vessatore e tartassatore, di secessione del Veneto dall’Italia. Parole peraltro molto diffuse nell’Est d’Italia: si ricordi il successo del sito plebiscito.eu, nonostante la lacuna di valore legale della votazione referendaria.
Questo per dare il segno di un malcontento che nel Veneto si riversa contro la politica nazionale, ma che risparmia la politica locale, e anzi ne innalza i rappresentanti ad alfieri di una novella “sovranità”.

Dopo il silenzio assordante del Segretario federale Matteo Salvini, nonostante l’invocazione della politica canavesana del Carroccio, con tanto di un onorevole tra i megafoni dell’ingiustizia subita dal consigliere provinciale Albano, giunge, nella giornata di ieri, una presa di posizione in favore dell’escluso Albano, un segno di solidarietà (e di schieramento) inaspettato e fondamentale: Flavio Tosi ha dichiarato esplicitamente di essere a Torino per sostenere la candidatura di Alessandro, “che conosco e stimo da tempi non sospetti”, ha aggiunto Tosi. Questo nonostante Albano non corra sotto l’insegna di Alberto da Giussano.
Si potrebbe dunque dire che Tosi sostiene a Torino una lista civica in diretta competizione con la Lega e tanto sicuramente faranno alcuni litigiosi leghisti di zona, ma pare invece che Tosi voglia sostenere la ben nota (e da lui esercitata) politica delle persone a scapito delle poltrone, dove conta di più una persona rispetto alla segreteria locale che, in una riunione improvvisata, vota ad alzata di mano per l’esclusione di un giovane consigliere provinciale che ottenne migliaia di preferenze pochi anni fa.

Tosi ha fatto questa dichiarazione alla luce del sole, davanti ad una platea selezionata per la joint venture tra la sua Fondazione (Ricostruiamo il paese) e l’associazione culturale Synerghein dell’avvocato Claudio Berrino. Il politico veneto ha ripreso un po’ i temi del suo percorso politico attuale (Lega/società civile), che appare simile, nei primordi, a quello di Albano, e quindi, non volendo entrare nel merito dei provvedimenti sanzionatori nei confronti di Albano (definiti non comprensibili), ha dichiarato apertamente di sostenerlo anche e soprattutto avendo lui aderito ad una lista civica. Anche Tosi infatti, nella sua Verona, ha aderito ad una lista civica, e così ha fatto a sua volta l’ex segretario Maroni.


Nel frattempo Roberto Cota è andato in un altro piccolo feudo elettorale leghista canavesano: il paese di Rivarolo canavese, a presentare Cesare Pianasso come candidato alla Regione, certificando così (ove ve ne fosse ancora il bisogno) il pacchetto a danno di Albano. Infatti se i candidati del Canavese sono più d’uno (sei), è lecito che sorga il dubbio: per quale motivo ne viene presentato solo uno? La diplomazia di Cota e del suo endorsement lascia un po’ a desiderare, come dimostra, per fare un ultimo esempio, l’intervento del segretario provinciale reggente sul profilo del carroccio di Chivasso, che, dopo aver indicato di votare Pianasso, scrive che c
hi si candida o chi fa campagna elettorale contro la Lega, non rappresenta la Lega.
Quindi Flavio Tosi non rappresenta la Lega? 

Freddie 

Condividi quest'articolo su -->

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

Ecco come stanno alimentando la tensione tra vaccinati e non

È sempre più difficile tentare di ragionare sul tema dei vaccini. di Paolo Desogus Anche …