Home / Sette Note / L’ironia di Max Gazzè arriva a Torino… e non solo

L’ironia di Max Gazzè arriva a Torino… e non solo

Eclettico e ironico, Max Gazzè continua senza sosta a girare l?Italia in un momento di straordinaria vitalità e grande successo del suo percorso artistico grazie al “Teatro Sotto Casa Tour”: il musicista romano lunedì 9 dicembre sarà di scena al Colosseo di Torino. Il 2013 è stato un anno particolarmente fortunato per lui:  “Sotto Casa” – una delle canzoni più suonate dalle radio quest?anno – ha ottenuto la certificazione Platino con oltre 50.000 download, mentre l?album omonimo è già disco d?oro; i diversi tour che hanno promosso il disco hanno superato gli  80 concerti complessivi.

Tante le novità in serbo per questa tournée che rappresenta una nuova occasione per ascoltare, in una chiave rivisitata, gran parte del repertorio di Max: oltre alle hit dell?ultimo album di studio, vengono riproposti alcuni dei brani più popolari del suo repertorio: “Mentre dormi”, “Cara Valentina”, “Una musica può fare”, “Il solito sesso”, “La favola di Adamo ed Eva”, “Il timido ubriaco”. Un anno, questo, ricco di soddisfazioni per Gazzè. Ora, invece, è tempo di concentrarsi sulla dimensione più intimistica dei teatri, dove l?artista coniuga momenti acustici, con arrangiamenti morbidi incentrati sulle sonorità delicate degli archi, a una vera esplosione di suoni nella parte più energica e conclusiva del concerto. Max sarà accompagnato sul palco da Giorgio Baldi alla chitarra elettrica, Clemente Ferrari al piano e sintetizzatori, Dedo alla tromba, trombone e chitarra acustica, Puccio Panettieri alla batteria e dal quartetto d?archi Euphoria. Dopo Torino, sarà in concerto a Milano (10 dicembre agli Arcimboldi), Fermo (14 dicembre al dell’Aquila), Perugia (16 dicembre al Morlacchi), Fasano (20 dicembre al Kennedy) e Roma (dal 18 al 21 gennaio all’Auditorium Parco della Musica).

 

 

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

L’assassino dell’Opera è tornato

di Andrea Zhok Franceschini is back Nella gioiosa confusione che ha seguito la formazione del …