Home / Affari di Palazzo / Esteri / Piano di riduzione della popolazione mondiale? Ecco cosa c’è di vero

Piano di riduzione della popolazione mondiale? Ecco cosa c’è di vero

Condividi quest'articolo su -->

In risposta alla pandemia di coronavirus e al ruolo di Bill Gates nella distribuzione di vaccini, molti media stanno collegando le sue attività al malthusianesimo, un’ideologia volta a ridurre la popolazione mondiale.

di Leonid Savin

Sebbene le accuse contengano spesso una serie di teorie della cospirazione, ci sono anche fatti indubitabili che sono facili da trovare perché pubblico dominio.

La questione in sé è tuttavia più complicata e complessa e il problema non è solo il lavoro di alcuni gruppi di pressione i cui membri sono politici globali di alto profilo.

Basta leggere il memorandum segreto NSSM 200 dell’NSA americana, che fu preparato da Henry Kissinger e completato il 10 dicembre 1974. Era intitolato “Implicazioni della crescita della popolazione mondiale per la sicurezza degli Stati Uniti e gli interessi all’estero” ed è stato declassificato dalla Casa Bianca nel 1989.

Il memorandum ha rilevato la necessità

di far fronte alla crescita della popolazione globale fino a sei miliardi entro la metà del 21° secolo e di mantenere il livello finale il più vicino possibile agli otto miliardi. I seguenti Paesi sono stati identificati come “colpevoli” di sovrappopolazione: India, Bangladesh, Pakistan, Nigeria, Messico, Indonesia, Brasile, Filippine, Tailandia, Egitto, Turchia, Etiopia e Colombia.

Vi si è pure osservato che gli Stati Uniti dovrebbero fare un uso più frequente di agenzie come il Fondo delle Nazioni Unite per le Attività della popolazione, che ha lavorato per ridurre la popolazione di 80 Paesi. È stato suggerito di eseguire programmi di pianificazione familiare, nonché di ridurre i tassi di natalità attraverso programmi educativi che avrebbero fornito ai genitori un incentivo a non avere figli. In altre parole, per effettuare il lavaggio del cervello a livello di singoli Paesi e regioni. Allo stesso tempo, il punto 37 afferma che esiste una visione alternativa sulla questione della popolazione che ritiene che la situazione sia già molto più grave e richiede misure urgenti per evitare una catastrofe demografica.

In termini di riduzione della popolazione, il memorandum elenca fondi come il Pathfinder Fund, l’International Planned Parenthood Foundation e il Population Council e, oltre ai programmi in corso, sono stati proposti vari esperimenti per aiutare a ridurre i costi statunitensi.

Questa può essere una notizia per molti

ma il padre di Bill Gates era il capo di Planned Parenthood, cosa che una volta Bill Gates stesso disse in un’intervista televisiva. Dopo che Donald Trump è diventato presidente, l’organizzazione ha smesso di ricevere fondi dal bilancio statale degli Stati Uniti, ma continuano a giungere finanziamenti da fondazioni private.

Per inciso, oltre ai vaccini, Gates è stato coinvolto in altri programmi sperimentali relativi alle biotecnologie, incluso il virus Zika, che si ritiene comporti un rischio, in particolare per le donne in gravidanza.

Il virus Zika è diffuso dalla zanzara Aedes aegypti. Queste zanzare sono note per essere state geneticamente progettate dalla società britannica di biotecnologie Oxitec. Se si credono i risultati del test, le zanzare Aedes aegypti impediscono la diffusione di febbre dengue, febbre gialla, chikungunya e virus Zika.

Oxford Insect Technologies

e la società biotecnologica britannica hanno sviluppato zanzare geneticamente modificate utilizzando i fondi della Bill Gates Foundation. Le prime prove sul campo della zanzara transgenica Aedes aegypti si sono svolte nei Caraibi, sulle Isole Cayman, nell’autunno del 2009. Si sono poi moltiplicate, mutate e si ritiene che siano diventate portatrici del virus Zika. In questo caso, l’intervento artificiale per indurre un’epidemia è chiaro.

Quando si tratta di una politica internazionale coordinata, le Nazioni Unite trattano i problemi di crescita della popolazione dal Fondo delle Nazioni Unite per la Popolazione (UNFPA) e dal Programma di Sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP). In sostanza, sembrerebbero perseguire una politica di nuovo malthusianesimo, ovvero riducendo il tasso di natalità globale attraverso la sterilizzazione delle donne e gli aborti.

È interessante notare che, all’interno delle Nazioni Unite, le stesse tradizioni legate alla pratica dell’aborto e della sterilizzazione sembrano essere tramandate di generazione in generazione.

Nel 2001, ad esempio

il presidente dell’International Planned Parenthood Council, Alexander Sanger, è stato Ambasciatore di Buona Volontà dell’UNFPA. Nel 1995, come rappresentante e sostenitore del controllo delle nascite, Sanger è stato nominato “una delle 100 persone più influenti del pianeta”.

Allo stesso tempo, Alexander Sanger è il nipote di Margaret Sanger, l’educatrice sessuale che, nel 1921, fondò la Lega Americana per il Controllo delle Nascite, e poi il Comitato Nazionale sulla Legislazione Federale per il Controllo delle Nascite nel 1929.

Margaret Sanger pose le basi per l’uso diffuso della contraccezione e la pratica degli aborti clinici sostenuti dallo Stato. Ha anche introdotto clandestinamente diaframmi negli Stati Uniti e pubblicato materiale osceno sulla stampa, violando così ripetutamente le leggi federali.

Nel 1923, Sanger istituì l’Ufficio di Ricerca Clinica, sfruttando una scappatoia nella legge. L’Ufficio era la prima clinica legale per il controllo delle nascite negli Stati Uniti ed era composto interamente da dottoresse e assistenti sociali. La clinica ha ricevuto finanziamenti dalla famiglia Rockefeller (tra i più appassionati di controllo globale), che ha sostenuto anonimamente le attività di Sanger per un decennio.

Da un punto di vista ideologico

Margaret Sanger era un’anarchica ed una razzista che credeva che il controllo delle nascite e la promozione dell’eugenetica potessero “aiutare la corsa verso l’eliminazione dei non idonei” (cfr. Engelman, Peter C., “Margaret Sanger”, article in Encyclopedia of Leadership, Volume 4, George R. Goethals, et al (eds), SAGE, 2004, p. 132).

I suoi suggerimenti includevano una rigorosa politica di immigrazione, libero accesso ai metodi di controllo delle nascite, diritti di pianificazione familiare completa per le persone normali e segregazione obbligatoria o sterilizzazione per i “profondamente ritardati” (cfr. Porter, Nicole S.; Bothne Nancy; Leonard, Jason. Public Policy Issues Research Trends, Evans, Sophie J. (ed), Nova Science. p. 126).

Nel 1926, Sanger tenne una conferenza sul controllo delle nascite alle ausiliarie del Ku Klux Klan a Silver Lake, nel New Jersey, e in seguito lavorò in America con gruppi razzisti simili in America (cfr. Sanger, Margaret. Margaret Sanger, An Autobiography. New York: W. W. Norton, 1938. p. 361).

Tuttavia, le sue idee radicali

non erano limitate ai rappresentanti di altri gruppi razziali o persone con disabilità. Nel suo libro Woman and the New Race, scrisse: “La cosa più misericordiosa che la grande famiglia fa a uno dei suoi membri infanti è ucciderlo”. In un altro libro, The Pivot of Civilization, sosteneva che gli abitanti delle aree povere, che, in virtù della loro natura animale, si riproducono come conigli e sono rapidamente in grado di attraversare i confini delle proprie aree o territori e quindi infettare gli elementi migliori della società con malattie e geni inferiori, dovrebbe essere soggetto a selezione naturale.

Sebbene sia celebrata negli Stati Uniti come una delle fondatrici del movimento per i diritti delle donne, un certo numero di studiosi ha giustamente confrontato le sue idee con i metodi praticati dalla Germania nazista.

Dal 1952 al 1959, Sanger fu presidente della International Planned Parenthood Federation (IPPF).

La politica e la strategia dell’IPPF suggeriscono che il diritto umano fondamentale alla libertà riproduttiva (la scelta di rifiutare di avere un bambino attraverso l’aborto, la sterilizzazione o la contraccezione) dovrebbe essere applicato a tutti, indipendentemente dall’età, dall’orientamento sessuale, dallo stato finanziario o dal luogo (Bollettino PPFG, settembre 1992). L’IPPF è a favore del matrimonio tra persone dello stesso sesso, sostiene lo sviluppo delle libertà delle minoranze sessuali e ritrae pillole abortive e contraccettive come farmaci.

Traduzione a cura di Costantino Ceoldo

Leggi anche:

Il nuovo inquietante brevetto presentato da Bill Gates

Condividi quest'articolo su -->

Cerca ancora

Gli Stati Uniti stanno per militarizzare lo spazio

Il 19 giugno è stata rilasciata la sezione non classificata della nuova strategia di difesa …