Home / Vicolo / Allarme bomba a Padova

Allarme bomba a Padova

Condividi quest'articolo su -->

Padova: – I Carabinieri sono alla ricerca di Alice e Alberto. I due fidanzatini che, con il loro gioco d’amore, sabato scorso hanno gettato l’intera Padova nel panico.

Già, perché quel tubo incerottato con del nastro adesivo, appoggiato su una grata della chiesa di San Clemente, in piazza dei Signori, in un clima teso, nell’allerta generale contro il terrorismo, alla città e agli artificieri che lo hanno fatto “brillare“, ha fatto temere il peggio. ALLARME BOMBA. Sgomberata la chiesa, sgomberato il mercato, sgomberati tutti i passanti e i lavoratori della zona. Piazze chiuse, area isolata. Il presunto “ordigno” era stato fatto saltare in sicurezza, dopo che un passante aveva visto quell’oggetto sospetto e si era affrettato a lanciare l’allarme alle forze dell’ordine. Sul posto erano arrivati pure il sindaco Massimo Bitonci e l’assessore alla Sicurezza Maurizio Saia.

Per interminabili minuti si era creduto che davvero quel barattolo fosse una, pur rudimentale, bomba.   Un gran caos per poi scorprire che, in realtà, il “famigerato” tubo, altro non era che una “caccia al tesoro“, che due innamorati avevano organizzato, per festeggiare un anniversario importante: “in questo angolo di piazza dei Signori un anno fa ci siamo dati il primo bacio”. Per farlo, si erano appoggiati ad un sito internet, www.geocaching.com, che ha rivisitato il vecchio gioco in chiave digitale.  Ora per rintracciare i due fidanzati, il magistrato potrebbe richiedere di contattare il gestore del server. Sul caso sarebbe infatti stata aperta un’inchiesta che vedrebbe i due accusati di “procurato allarme”.

Condividi quest'articolo su -->

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

Raggi assolta anche in Appello per falso accusa il Governo di far solo chiacchiere

Pensate che ci sia un solo italiano non pentastellato, uno solo, che dopo la conferma …