Home / Affari di Palazzo / Politica interna / Poteri forti e poteri deboli

Poteri forti e poteri deboli

Condividi quest'articolo su -->

Quelli del Pd hanno capito che i poteri forti volevano Renzi premier e non Bersani. Le truppe cammellate hanno fatto di testa loro e come sono andate le elezioni è ormai noto. Il popolo-bue ha votato Grillo e -senza saperlo- ha fatto il gioco dei “pupari” che tirano i fili. Niente paura, quello che è successo è solo un momento transitorio, i signori del denaro si rifaranno vivi molto presto.Il congresso del Pd in autunno è inutile, si terrà solo per buttare fumo negli occhi agli aficionados sinistrorsi che credono ancora nella democrazia. Basta vedere i giornali e la TV all’opera: non fanno che parlare di Renzi e sottolinare ogni sua mossa. Il sindaco di Firenze viene paragonato a Tony Blair, che a 36 anni riuscì a battere la Thacher ed a cambiare l’Inghilterra, quindi Grillo non serve più.

Farà la fine di Di Pietro, che venne usato per spazzar via la Dc ed il Psi. Finché la gente non imparerà ad usare la testa, facendo tornare di moda il voto d’opinione (libero dalle pressioni esterne) senza farsi imbambolare, è meglio non pronunciare più la parola democrazia. Chi diventa sindaco quando la metà degli aventi diritto non si è recata alle urne, non può dire di aver vinto le elezioni, così come non può affermare che fa politica per spirito di servizio (almenoché non specifichi che si tratta di spirito di servitore).

I governi danno il benservito ai cittadini mettendoli con le spalle al muro davanti al fatto compiuto. O si mangia la minestra o si salta dalla finestra. Mentre Berlusconi sta aspettando il piatto avvelenato che gli stanno cucinando i magistrati, chiediamoci perchè si continua a spendere un miliardo e trecento milioni di euro all’anno per mandare i nostri soldati a morire all’estero. In Afghanistan ha perso la vita durante un attentato (08/06/2013) il capitano dei bersaglieri Giuseppe La Rosa, nato a Barcellona (in provincia di Messina), laureatosi a Torino, in forza alla brigata Sassari. E’ morto da eroe, per salvare la vita ai tre commilitoni che viaggiavano con lui nel blindato. Tutto finirà con una medaglia al valore per una giovane vita spezzata, coinvolta in una guerra che non ci appartiene.

Condividi quest'articolo su -->

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

Tutte le criticità del Green Pass all’italiana

Perché il Green Pass – nella forma italiana – è un’iniziativa inaccettabile e va abrogato? …