Home / Affari di Palazzo / Esteri / Un Fronte nazionale contro l’Europa

Un Fronte nazionale contro l’Europa

Condividi quest'articolo su -->

Le amministrative francesi hanno riempito di schiaffi Hollande, che sta già pensando ad un rimpasto di governo per porre argine all’ondata del “Front National” che si sta allargando a macchia d’olio spaventando l’Europa dei burocrati. Lo strepitoso successo della bionda figlia di Jean Marie Le Pen, che sventola la bandiera anti-euro, anti-globalizzazione, anti-austerità con veemenza e passione è un segnale vigoroso di riscossa che riscalda i cuori francesi e non solo. Non dimentichiamo che questo popolo ha già fatto la rivoluzione del 1789, e che ora ne sta preparando un ‘altra che mina le basi su cui poggia la UE, accozzaglia dalla parvenza istituzionale preparata ad hoc dai banchieri internazionali.

Se non si sfrutta la grande occasione del rinnovamento del parlamento europeo fra due mesi, non resta che batterci il petto recitando il “mea culpa”. La nostra Italia sta morendo dissanguata e deve risvegliarsi dal torpore di un periodo post ideologico che ha visto in campo un centro-destra ed un centro-sinistra che affondano negli scandali provocando un disgusto indicibile. Stiamo ancora pagando il voltafaccia di Fini del 2010, che cedette alle pressioni della “cricca” finanziaria abbandonando la sua casa, i suoi simboli ed i suoi amici per azzoppare un esecutivo che sembrava andare a gonfie vele.

Lui è finito nella polvere e il suo partito stenta a ricomporsi, ma tutti gli Italiani sono stati stritolati dal governo “tecnico” di Monti. Le parole che ha pronunciato a Bastia Umbra (07/11/2010) risultano profetiche anche se blasfeme: ” Siamo soddisfatti di essere diventati determinanti per la sorte del governo e dell’Italia”. Purtroppo c’è riuscito, facendoci pagare un prezzo altissimo. Ora non ci interessa sapere se è ancora della stessa opinione: ci preme soltanto riacquistare l’orgoglio nazionale, la nostra sovranità e la nostra indipendenza.

Giuseppe Franchi 

Condividi quest'articolo su -->

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

La vergognosa fuga americana dall’Afghanistan

Per vent’anni, Bagram è stata la più importante base militare aerea USA in Afghanistan. Gli …