Home / Altre rubriche / Zibaldone / Viva di nuovo. Come sono guarita dall’anoressia

Viva di nuovo. Come sono guarita dall’anoressia

Condividi quest'articolo su -->

Viva di nuovo. Come sono guarita dall’anoressiaBrunello Clara? 14,502012, 176 p.

Paoline Editoriale Libri  (collana Libroteca/Paoline)

I DCA (Disturbi del Comportamento Alimentare) sono una denominazione per malattie ancora poco conosciute, l?anoressia in particolare,  di cui soffre un sempre maggior numero di ragazze e ragazzi e spesso catalogata come “un semplice capriccio di una ragazzina che vuole essere troppo magra”. L?anoressia è, invece, una drammatica esperienza, un abisso dal quale, chi ne soffre, sembra impossibilitato ad uscirne, perché, per guarire, non basta riprendere peso, ma bisogna curare l?intera persona: corpo, mente e, soprattutto, anima.

«Dall?anoressia si può, si deve guarire!», così si esprime l?autrice del libro Viva di nuovo. Come sono guarita dall?anoressia, di Clara Brunello, pseudonimo di una giovane donna che ha vissuto l?esperienza della malattia e ne è uscita vittoriosa ed edito da Paoline Editoriale Libri.

L?autrice non descrive le sue drammatiche vicissitudini causate dall?anoressia e le sue implicazioni: il libro vuole essere un?analisi interiore per indagare le cause che hanno portato Clara ad ammalarsi. Questa scelta di non raccontare l?esperienza diretta è voluta dall?autrice per non incorrere nel rischio di dare cattivi suggerimenti a ragazze che vivono la sua stessa patologia, portate dalla malattia stessa ad imitare i comportamenti malsani. In questo modo, inoltre, Clara vuole fornire a chi soffre di DCA, strumenti necessari per uscirne.

Colpisce la sincerità dell?autrice: Clara descrive in particolare il suo desiderio di successo e di onnipotenza, che l?hanno portata a sentirsi superiore persino al bisogno di mangiare.

«Una delle caratteristiche dell?anoressia, nella mia vita, è stata quella di sentirmi superiore agli altri, di dover dimostrare che non avevo bisogno di ciò che era invece necessario ai ?comuni mortali [?] gli altri dovevano mangiare per vivere… Io no».

Descrive la relazione non matura con la madre, il senso di colpa che l?ha frustrata per anni e, come raramente avviene, affronta l?aspetto spirituale della malattia.

L?autrice mette in chiaro il concetto che «la questione del peso è un aspetto quasi marginale nell?anoressia: si può essere anoressiche anche con un peso normale»: conta invece l?aspetto di umiliazione e il senso di insoddisfazione per se stessi in generale, non solo per il proprio corpo. Clara spiega che, riconciliatasi con se stessa, e con Dio (la fede dell?autrice è stata infatti fondamentale per la guarigione), ha potuto intraprendere il percorso di guarigione.

Viva di nuovo. Come sono guarita dall’anoressia è un vero manuale di “guarigione” per chi soffre di DCA e una grande speranza per tutte le persone che soffrono psicologicamente e nell?anima.

Simona Lyliham Valcarenghi

Condividi quest'articolo su -->

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

Attentato alla democrazia: il diritto si rivolta contro i cittadini

Caso maxi antenna 5G nel cortile di una scuola a Frossasco. I genitori preoccupati intentano …