Home / Affari di Palazzo / Esteri / Ecco il piano di espansione della Turchia di Erdogan ignorato dai media

Ecco il piano di espansione della Turchia di Erdogan ignorato dai media

Condividi quest'articolo su -->

Dal 27 settembre al 10 novembre si è svolta una guerra tra le truppe azere e armene sul territorio del Nagorno-Karabakh (Artsakh) che ha ricevuto l’attenzione di tutta la comunità internazionale.

di Dimitrios Aristopoulos

Non solo abbiamo assistito al grande sostegno della Turchia e del presidente Recep Tayyip Erdogan al presidente azero Ilham Aliyev verso lo sforzo bellico, ma allo stesso tempo altri membri del Consiglio turco che comprende Kazakistan, Kirghizistan, Uzbekistan e Ungheria come Stato osservatore, hanno dichiarato il proprio sostegno alla causa azera. Queste sono evidenti manifestazioni dell’ideologia pan-turca che sono fortemente prevalenti in questi Paesi.

Cos’è il pan-Turkismo

Il pan-turkismo è un’ideologia nazionalista nata nel XIX secolo, in particolare dai popoli di lingua turca che vivevano nella Russia zarista durante gli anni ottanta del XIX secolo e poi sviluppatasi in Asia Minore. Senza mai essere stabilita come l’ideologia ufficiale dello Stato turco, è sempre stata sostenuta da Ankara, che lo ammettesse o meno.

La base dell’ideologia pan-turca è l’emancipazione, che mira all’unione indipendentista di tutti i popoli di lingua turca, come quelli che si trovano in Crimea, Azerbaijan, Caucaso, Turkmenistan, Kazakistan, Uzbekistan, Kirghizistan, Siberia, Afghanistan, Iran, Iraq, Siria, Bulgaria, Jugoslavia, Tracia occidentale, Cipro e altrove con “Madre Turchia” per creare un grande stato turco con oltre 100 milioni di abitanti.

Gli slogan comuni usati dai pan-turchi sono:

  1. “Dove ci sono i turchi c’è la Turchia”
  2. “Il mondo dei turchi è un tutto unico”
  3. “Tutti i turchi sono un esercito”
  4. “Il Pan-Turkismo come ideale è un alimento morale per la Nazione”
  5. “Cipro è turca quanto l’Asia Minore e la Tracia occidentale”

Qual è la differenza tra le ideologie neo-ottomaniste e pan-turche?

L’ottomanismo è in realtà più un movimento politico etnico-religioso piuttosto che etno-razziale. Dichiara fede alla santità e all’eternità dell’Impero Ottomano e del suo Sultano, cercando l’idea di un “impero” per sostituire il nazionalismo e l’ordine politico degli stati-nazione in cui vive. Sebbene riconosca l’esistenza di diverse etnie al suo interno, crede che le differenze culturali e locali dovrebbero essere lasciate perdere quando si tratta di unificazione politica religiosa.

Il pan-turchismo d’altra parte non si concentra tanto sulla religione, ma guarda invece alla tradizione etnica dei popoli e delle Nazioni. Cerca di unificare, politicamente e culturalmente, sotto uno stato nazionale turco “più grande”, poiché si condivide una tradizione turca comune. Il pan-turchismo di solito si associa a Paesi che hanno ufficialmente “il patrimonio culturale turco” e la lingua turca. I Paesi / regioni che possono essere inclusi in questo elenco sarebbero Crimea, Azerbaigian, Caucaso, Turkestan, Kazakistan, Kazakistan, Xinjang nella Cina occidentale, Kirghizistan, Tatarstan, Siberia, Afghanistan, Iran, Iraq, Siria, Bulgaria, Cipro e aree della Grecia settentrionale e delle isole orientali.

Come si applica l’ideologia pan-turca nella nostra attuale geopolitica?

Il pan-turchismo è sempre stato la base ideologica su cui la Turchia ha funzionato politicamente. Era il fondamento ideologico su cui si basava l’ideologia politica kemalista per costruire una Turchia più grande. Lo sradicamento dell’ellenismo in Asia Minore nel 1922, il genocidio armeno nel 1915-18 e quello assiro, la persecuzione dei greci di Costantinopoli nel 1955, l’invasione di Cipro nel 1974 sono stati tutti effetti della dottrina pan-turca della politica espansionistica turca.

Mustafa Kemal Ataturk

Nel mondo multipolare di oggi, dove l’Occidente ha perso i suoi valori e l’Oriente rivendica il suo ruolo storico di conquista, mentre i grandi giocatori della scacchiera internazionale tradizionale devono affrontare i propri problemi interni, Erdogan colloca le dinamiche del nazionalismo pan-turco al fine di creare una grande alleanza di gruppi etnici turchi. E la battaglia nel Caucaso, in un momento in cui nessuna grande potenza è dalla parte degli azeri, è un’altra opportunità per diffondersi nella regione. L’intervento della Turchia in Libia, così come in Siria e le sue rivendicazioni sulle zone economiche di Grecia e Cipro nel Mediterraneo orientale, fa anche parte dell’agenda politica pan-turca, nonostante il fatto che il suo ottomanismo sia usato in questi casi come arma.

Esempi di politiche pan-turche nella Turchia moderna

Nonostante il fatto che la Turchia durante il governo di Erdogan abbia teoricamente abbandonato la retorica pan-turca a favore del neo-ottomanismo, in pratica è ancora l’ideologia pan-turca a determinare la geopolitica turca. Dal suo sostegno ai Fratelli Musulmani e la sua invasione della Siria settentrionale, al suo coinvolgimento nella guerra civile libica, così come ancora le minacce di immigrazione illegale contro Grecia ed Europa, e la guerra in Artsakh (Nagorno Karabakh), combinata con la persecuzione dei curdi, non sono altro che parti dell’agenda della dottrina pan-turca sulla politica espansionistica della Turchia.

Durante l’anniversario della morte di Kemal Ataturk il 10 novembre 2016 Erdogan ha dichiarato apertamente che “la Turchia è più grande della Turchia”, mentre allo stesso tempo ha parlato della sua dottrina sui “confini del suo cuore”, dichiarando allo stesso tempo che

noi non possiamo essere imprigionati in 780000 chilometri quadrati. I nostri confini fisici sono diversi dai confini del nostro cuore. I nostri fratelli che vivono nelle aree di Mosul, Kirkuk, Humus, Skopje, possono essere oltre i confini naturali della Turchia, ma saranno sempre ai confini dei nostri cuori.

Il piano per sostenere gli azeri nella guerra dell’Artsakh non era spontaneo, ma parte della dottrina dell’ex ministro degli Esteri che si è trasformato nel rivale politico di Erdogan, Ahmet Davutoglu, che nel 2001 ha pubblicato un libro dal titolo “Profondità strategica; La posizione internazionale della Turchia”. In questo libro, Davutoglu afferma: “A meno che l’Azerbaigian non acquisisca una posizione regionale stabile e forte nel Caucaso e l’Albania nei Balcani, non sarà possibile per la Turchia aumentare il proprio peso né sviluppare politiche verso l’Adriatico e il Mar Caspio, che si trovano nelle sue immediate vicinanze e nella sua sfera di influenza.

 

Traduzione a cura di Costantino Ceoldo

 

Leggi anche:

Erdogan sta dando fuoco al gas del Mediterraneo

Condividi quest'articolo su -->

Cerca ancora

Era una famiglia innocente assassinata da Biden nell’attacco dei droni di Kabul

Vi ricordate che il 29 agosto, dopo il mega-attentato dell’ISIS-K (ossia di un asset degli …