Home / Affari di Palazzo / Economia e finanza / La coerenza della mancanza di fiducia nell’Italia

La coerenza della mancanza di fiducia nell’Italia

Condividi quest'articolo su -->

Molti dicono che gli Italiani investono all’estero per “sfiducia” nell’Italia,

per paura di nuove patrimoniali (che esistono solo a causa di una regola di Maastricht che ci impone di guardare al Congo come riferimento ideale). Bene, chi investe i propri risparmi in Germania a tasso negativo quindi regalando soldi ai tedeschi dovrebbe avere sfiducia nell’Italia sempre.

  • Se gli viene un tumore le costosissime cure se le faccia pagare dai tedeschi. 
  • Chi si lamenta delle infrastrutture italiane si trasferisca in Germania se lo vogliono. 
  • Chi pretende che il nipote con lauree, master, Phd trovi lavoro in Italia grazie allo Stato che si occupa di sistemarlo lo spedisca in Germania e si faccia dare uno splendido lavoro da spalatore di merda nelle porcilaie della Westfalia.

Ecco, se si ha sfiducia nell’Italia, la si deve avere sempre. Se no si inizi a pensare che investire all’estero (a tassi negativi per giunta) significa tagliare l’albero sul quale si è seduti. Significa scommettere contro se stessi.

Fuori dai ragionamenti paradossali. Questi sono gli inconvenienti di una politica folle che ha accettato una Unione europea monca e asimmetrica dove i cittadini non hanno tutti gli stessi diritti, dove ci sono regole (quelle di Maastricht) folli e insignificanti, dove non c’è una federazione. Dove l’unica cosa che conta è la libera circolazione dei capitali senza valutarne appieno le conseguenze. Questo è quanto.

Giuseppe Masala

Condividi quest'articolo su -->

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

Le panzane “intellettuali” sull’Esercito Europeo

Ho letto sul Corriere della Sera un pezzo di Paolo Mieli che considero davvero illuminante. …