Home / Affari di Palazzo / Esteri / Lukashenko e la reazione dell’ex blocco sovietico

Lukashenko e la reazione dell’ex blocco sovietico

Condividi quest'articolo su -->

L’arresto di uno dei principali oppositori bielorussi non può certo essere derubricato sotto la voce dei gesti folli o isolati. La presa di posizione di Lukashenko rientra in una ben più ponderata politica di tolleranza zero nei confronti delle future ingerenze occidentali.

 

Se non erro il comprovato attentato alla vita del “dittatore” Lukashenko da parte dei soliti agenti americani (sventato con il loro arresto lo scorso aprile), è stato trattato con lo stesso forte sdegno e la stessa determinazione da parte della nostra stampa prezzolata. Deve essere stato sicuramente così.

La mossa del governo bielorusso, è particolarmente azzardata, e arrestando in questa maniera il Navalny locale sapevano benissimo di prestare il fianco alla solita indignazione  a comando dei megafoni della NATO. Ma occorre guardare la cosa anche da un altro lato: questa è una dimostrazione di forza.

Il governo Bielorusso, dopo aver sventato l’attentato alla vita di Lukashenko, ha fatto intendere chiaramente che l’era della remissiva sopportazione per le ingerenze occidentali è finita. Ricordate le parole di Putin del mese scorso: le provocazioni e gli attacchi alla Russia e i suoi alleati da ora in avanti verranno corrisposti con la dovuto fermezza.

Questo è il primo esempio di come si agirà d’ora in avanti. I Navalny, i “leader dell’opposizione” vari, i burattini a libro paga, i ribelli moderati, verranno spazzati via per primi. Questo è anche un esempio da leggere proprio a fattore deterrente per le dinamiche interne: chi deciderà di servire il nemico, di svendersi alle sirene atlantiche anche solo per vile denaro, subirà le conseguenze delle sue azioni.

È inutile che ora tutti i fanatici liberal-atlantisti si indignino e piangano lacrime di coccodrillo per i loro infiltrati: voi avete deciso di mettere giù i rapporti con l’ex blocco sovietico in questi termini. Per anni loro hanno tenuto un basso profilo, sperando di poter vedere morire su sé stesse le follie maccartiste. Ma è stato inutile.

L’occidente vuole a tutti i costi alzare il livello di guardia, provocare, tirare la corda fino a spezzarla. Bene, ora pagatene il prezzo. Sappiate che state trasformando – per la terza volta – il vecchio continente nel campo di battaglia delle super potenze, con una stupida lealtà al padrone: che da parte sua non restituisce mai niente di tanto utile da poter motivare tale sacrificio.

C’erano mille opzioni sul tavolo. Avete scelto volutamente quella del martirio. Un martirio fine a sé stesso. Da oggi la situazione può solo peggiorare, le azioni di provocazione saranno sempre più audaci e le risposte sempre più eclatanti. Fino al punto di non ritorno.
Buona fortuna. Ne abbiamo bisogno.

di R.I.

Condividi quest'articolo su -->

Cerca ancora

La NATO sta provocando sempre di più la Russia

L’arresto dell’uomo di Soros, Andrei Pivovarov, direttore di Open Russia, mentre era già sull’aereo per filarsela verso …