Home / Affari di Palazzo / Esteri / “La Turchia si schiera contro la Russia nella sua essenziale missione contro il terrorismo”

“La Turchia si schiera contro la Russia nella sua essenziale missione contro il terrorismo”

Condividi quest'articolo su -->

Il portavoce del presidente russo, Dmitry Peskov, ha descritto come “molto grave” l’episodio della caduta di un aereo russo da parte dell’esercito turco sui territori siriani. In un comunicato stampa, Peskov ha detto che il suo paese dispone di informazioni che confermano che l’aereo russo era ancora nella zona siriana, negando categoricamente di aver violato lo spazio aereo turco. Nel frattempo, sono arrivate anche le dichiarazioni del presidente russo, Vladimir Putin, che ha dichiarato che la Turchia ha pugnalato la Russia, agendo come complici dei terroristi: “Questo incidente si staglia contro la solita lotta contro il terrorismo. Le nostre truppe stanno combattendo eroicamente contro i terroristi, rischiando la vita. Ma la perdita che abbiamo sofferto oggi è arrivata da una pugnalata alla schiena consegnata da complici dei terroristi”, ha affermato Putin.

Putin ha confermato che l’aereo è stato colpito da un missile aria-aria lanciato da un aereo F-16 turco mentre viaggiava ad una altitudine di 6000 metri circa a un chilometro dal confine turco. Il luogo dell’incidente si trova a 4 chilometri dal confine e l’aereo non rappresentava alcuna minaccia per la sicurezza nazionale turca, come sottolineato da Putin. Putin ha spiegato che l’aereo si indirizzava a obiettivi terroristici nella provincia siriana di Latakia. L’incidente avrà gravi conseguenze per le relazioni della Russia con la Turchia, ha avvertito il presidente russo. Il fatto che la Turchia non abbia cercato di contattare la Russia a seguito dell’incidente, ma si è precipitata a invocare una riunione della NATO è, per Putin un segnale preoccupante, che fa pensare che la Turchia voglia che la Nato serva gli interessi di Daesh.

Uno dei due piloti del veivolo abbattuto è stato ucciso da un gruppo takfirista mentre stava toccando terra con il suo paracadute, mentre il destino del secondo pilota rimane al momento sconosciuto. L’analista militare ed ex ufficiale dell’esercito americano, Scott Bennett, ha descritto l’incidente come “un atto di guerra” contro la Russia. Interpellato da Press TV, Bennett ha spiegato che “questo rappresenta davvero, oggi, la più grande escalation della guerra avvenuta da quando è iniziata la guerra negli ultimi due anni, perché in sostanza, la Turchia sta minacciando la Russia e … cercando di destabilizzare psicologicamente la Russia nella sua essenziale missione contro il terrorismo”.

Condividi quest'articolo su -->

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

Le panzane “intellettuali” sull’Esercito Europeo

Ho letto sul Corriere della Sera un pezzo di Paolo Mieli che considero davvero illuminante. …