Home / In Fuorigioco / Tutto come prima o quasi: pioggia di pareggi in campionato

Tutto come prima o quasi: pioggia di pareggi in campionato

FERRARA, ITALY - FEBRUARY 22: A official ball of serie A is displayed during the Serie A match between SPAL and Juventus at Stadio Paolo Mazza on February 22, 2020 in Ferrara, Italy. (Photo by Pier Marco Tacca/Getty Images)

Condividi quest'articolo su -->
COMMENTO AL CAMPIONATO

Turno decisamente interlocutorio in vetta in attesa di varcare lo spartiacque delle festività.

Pioggia di pari ad eccezione delle vittorie di Inter e Roma rispettivamente sul Napoli e sul Toro.

Il Milan riesce in extremis a strappare un punto a Marassi contro il Genoa, mentre l’Atalanta impone il pari a casa della Juve.

Anche la Lazio non va oltre il pari nello scontro fratricida di casa Inzaghi. Non si va oltre il pareggio anche nelle sfide tra Parma e Cagliari, Udinese e Crotone, Fiorentina e Sassuolo e Spezia e Bologna. L’unica a vincere pure in trasferta è la Samp che batte di misura il Verona al Bentegodi.

Turno assolutamente piatto

quello della dodicesima giornata con sette x su dieci incontri, due segni 1 e un segno 2. Il Milan va addirittura sotto con il Genoa per poi riuscire nell’impresa di strappare un punto, il secondo di seguito nelle ultime due gare e permettere ai cugini di avvicinarsi ad un solo punto di distanza.

L’Inter, grazie ad un arbitraggio a dir poco inadeguato, riesce a vincere contro un ottimo Napoli che nonostante l’espulsione, anche questa decisamente ambigua, di Insigne, e l’infortunio grave a Mertens, riesce nel secondo tempo a mettere alle corde un Inter, una corazzata che ha nella mancanza di fantasia il suo punto debole, debolissimo.

Il Napoli

ora dovrà affrontare la delicata sfida dell’Olimpico con la Lazio senza i due suoi top players. Di fronte però troverà un’antagonista decisamente stanca, priva di stimoli, con problemi di organico inadeguato e con un mercato alle spalle assolutamente deficitario.

I cugini invece continuano a marciare grazie questa volta anche all’aiuto arbitrale di Abisso va detto, a ritmi da Champion’s. A farne le spese un Toro che ora veramente si ritrova in piena zona retrocessione e in un  clima di contestazione pura.

La Juve si ritrova contro la sua bestia nerazzurra di sempre

e riesce a strappare un pari in casa perché semplicemente sua maestà Ronaldo non è in giornata…e se non è in giornata lui…sono dolori.

Per il resto poco o niente da segnalare al di là della pioggia di pareggi prenatalizi se non a vittoria di misura della Sampdoria in casa degli scaligeri.

Speriamo soltanto di trovare sotto l’albero di Natale almeno qualche pacchetto sorpresa, giusto per ravvivare un po’ questo clima da volemose tutti bene che sarà pure evangelico ma che tanto bene poi al campionato e al calcio non fa.

Condividi quest'articolo su -->

Di Roberto Crudelini

Roberto Crudelini
Nato nel 1957. Laureato in Giurisprudenza, ha collaborato con Radio Blu Sat 2000 come autore e sceneggiatore dei Giornali Radio Storici, ha pubblicato "Figli di una lupa minore" con Rubettino, "Veni, vidi, vici" e "Buona notte ai senatori" con Europa Edizioni e "Dai fasti dell' impero all'impero nefasto" con CET: Casa Editrice Torinese. Collabora con Elzeviro.eu fin dalla sua fondazione, nel 2011.

Cerca ancora

La triste parabola della Superlega e le sue principali criticità

La parabola della Superlega è durata meno del batter d’ali di una farfalla. Un progetto …