Home / In Fuorigioco / Troppa Juve: schiantata la Fiorentina!

Troppa Juve: schiantata la Fiorentina!

Condividi quest'articolo su -->

 

 

La Juventus domina al Franchi e manda a casa una Fiorentina impalpabile.

 

Doveva essere una partita delicata e difficile con la Juve costretta a rincorrere per cercare di rimediare alla doppietta di Salah subita allo Juventus Stadium. Un’impresa che pareva ai limiti della praticabilità soprattutto a causa delle condizioni ambientali di uno stadio tradizionalmente ostile. Invece molto presto il match si è trasformato in una mattanza micidiale con i viola costretti a recitare la parte dei tonni nella rete bianconera. La Fiorentina forse ha approcciato la partita con una sicurezza eccessiva dettata appunto da una vittoria in trasferta che sembrava metterla al riparo da brutte sorprese. Proprio questa sicurezza ha evidentemente finito con il giocare un brutto scherzo alla truppa allenata da Montella che ha lasciato ampi e imperdonabili spazi alla manovra bianconera. Pur priva di Tevez, assente per un risentimento muscolare, la Juve ha affondato nella molle difesa viola come una lama nel burro tanto che il risultato avrebbe potuto essere ancora più rotondo se Neto non si fosse superato in più di un’occasione.

La Fiorentina, incitata dal suo splendido pubblico, inizia per la verità bene con Salah rapidissimo a incunearsi tra i difensori avversari e a trafiggere Storari ma…con l’arbitro altrettanto rapido ad annullare per fallo dello stesso egiziano che manda per le terre Padoin. Sull’onda dell’entusiasmo e della rabbia per il goal negato, la squadra di Montella continua ad affacciarsi con una certa insistenza nell’area avversaria e al 9° ci prova con un tiro di Alonso su calcio d’angolo ma la palla sorvola la traversa. Al sedicesimo ancora i padroni di casa con un tiro cross di Joaquin sul quale Storari si supera mandando in angolo. Al 21° la svolta della partita: dopo un perfetto cross dalla destra di Marchisio e il susseguente tentativo di Pereyra murato dalla difesa, il pallone viene arpionato da Matri che davanti a Neto spizza in rete di esterno destro. Alla Juve ora basta fare un solo goal per andare in finale…cosa che si avvera puntualmente dopo ventitré minuti quando Morata costringe Neto a deviare il suo gran tiro a giro con Pereyra pronto a piombare sul pallone e a insaccare per il 2-0.

Alla ripresa la Fiorentina, pur frastornata, prova a rimettere in sesto la baracca ma lo fa in modo disordinato e velleitario. Salah, tira da fuori area al 48° ma il pallone finisce di molto a lato. Al 52° è la volta del tedesco Gomez a girare in rete ma il pallone beffardo va fuori di poco. L’egiziano ci riprova al 54° ma la sua conclusione non inquadra di nuovo la porta…serata decisamente sottotono per lui. Al 58° è però di nuovo la Juve a mettere pressione sulla difesa viola con un gran tiro di Pereyra sul quale Neto si supera deviando in corner. Il colpo di grazia arriva al 59° con Bonucci pronto a replicare al volo in rete il corner di Marchisio. Un colpo di classe che annichilisce definitivamente le residue speranze viola. La Fiorentina ora gioca con l’animo tramortito e si vede perché la manovra è poco convinta e il pallone va avanti solo per forza di inerzia. Aquilani è bravo a tirare al volo al 65° ma il pallone va fuori. Al 70° altra sontuosa occasione per la Juve che marcia sul velluto con Matri innescato da Pereyra che, con un bolide calciato da non più di cinque-sei metri, costringe Neto all’ennesimo miracolo.

All’87° Morata viene espulso per entrata fallosa da dietro su Diamanti: la finale se la dovrà guardare dalla tribuna. Ultimo palpito al 93° con Mati Fernandez che tira una bomba sulla quale Storari è bravo a deviare in volo negando così ai viola anche la consolazione del goal della bandiera. La Juve ora si guarderà la partita di stasera per sapere se per la coppa casalinga dovrà vedersela con Higuain e Callejon oppure con Anderson & Company. A proposito di stasera la Lazio proverà a…fare la Juve ma il Napoli difficilmente sarà disposto a recitare il…copione della Fiorentina. Di sicuro sarà spettacolo all’ennesima potenza con l’unica grossa pecca che non ci saranno tifosi laziali: un provvedimento questo altamente disparitario e iniquo nei confronti di una sola delle quattro semifinaliste.

 

Fiorentina 3-5-2: Neto, Gonzalo (Tomovic), Aquilani, Mati Fernandez, Savic, Joaquin (Diamanti), Basanta, Borja Valero, Alonso, Gomez (Babacar), Salah, all. Montella;

 

Juventus 3-5-2: Storari, Padoin, Bonucci, Chiellini, Evra, Vidal, Marchisio Sturaro, Pereyra (Ogbonna), Matri (Coman) (Lloorente), Morata, all. Allegri;

migliore Juventus: Pereyra 7,5
migliore Fiorentina: Neto 6,5 

Condividi quest'articolo su -->

Di Roberto Crudelini

Roberto Crudelini
Nato nel 1957. Laureato in Giurisprudenza, ha collaborato con Radio Blu Sat 2000 come autore e sceneggiatore dei Giornali Radio Storici, ha pubblicato "Figli di una lupa minore" con Rubettino, "Veni, vidi, vici" e "Buona notte ai senatori" con Europa Edizioni e "Dai fasti dell' impero all'impero nefasto" con CET: Casa Editrice Torinese. Collabora con Elzeviro.eu fin dalla sua fondazione, nel 2011.

Cerca ancora

Miracolo al numero 175 di via Druento

COMMENTO AL CAMPIONATO La Juve vince a Bologna e per un pelo ce la fa …