Home / In Fuorigioco / Roma avanti col brivido!

Roma avanti col brivido!

Condividi quest'articolo su -->

 

 

La Roma accede ai quarti ma quanta paura per i tifosi giallorossi: quello che sembrava un turno facile contro l’Empoli tra le mura amiche dell’Olimpico in verità è stata una battaglia combattuta fino al fischio decretato alla fine del secondo tempo supplementare. Ci sono voluti ben 120 minuti per avere ragione di un Empoli che si è comportato in maniera ben diversa da come si era comportato il Verona in casa della Juve. Se è vero che l’organico della squadra toscana non è minimamente paragonabile a quello della Roma, a differenza della squadra veneta che si è presentata al cospetto della Juve nei panni dell’agnello sacrificale predestinato, l’Empoli ha dato l’anima mettendo in campo tutto quello che aveva e forse anche qualcosa di più. Questo dimostra che se uno ci mette dentro il cuore certe volte il gap tecnico e qualitativo può anche essere azzerato o quasi.

La partita sembra mettersi subito bene per i giallorossi che già al minuto 5 passano con Iturbe servito in area da Maicon. Una quindicina di minuti dopo è Totti ad impegnare il portiere avversario con una punizione delle sue. Nainggolan prova al 30° a bucare a sua volta ma la sua conclusione viene respinta e la sua ribattuta se ne va fuori. Primo squillo dell’Empoli al minuto 35 con un bel tiro da fuori area di Signorelli. Nel secondo tempo al 50° ci prova Destro a togliere ancora una volta le castagne dal fuoco ai suoi con un gran tiro che viene deviato in calcio d’angolo dal portiere Bassi. Al minuto 70 è ancora l’Empoli a provarci con una conclusione di Bianchetti su precedente punizione di Mario Rui. Due minuti dopo è ancora l’estremo giallorosso Skorupski ad anticipare Verdi lanciato a rete. Al 79° è servita la frittata sul piatto di Garcia con un Verdi indiavolato che, servito da Vecino, scarta Astori e l’estremo giallorosso per depositare il pallone in rete per il pareggio. Al minuto 92° è la volta di Iturbe a riprovare la via della rete ma anche questa volta viene neutralizzato dal bravo Bassi che compie un doppio intervento quasi miracoloso.

Si va così ai tempi supplementari con L’Empoli che resiste ma non rinuncia a pungere davanti e con la Roma che fa fatica a trovare la via del goal contro il muro toscano. Per un pelo al minuto 8° del primo tempo supplementare Yanga Mbiwa non trova il rosso con un intervento su Zielinski appena fuori l’area di rigore che forse avrebbe meritato ben altro colore. Un minuto più tardi Tavano ci prova con una potente punizione ma il suo tiro viene respinto dalla barriera e poco dopo è ancora l’Empoli a pungere con un pericoloso contropiede ma Verdi non riesce nell’intento di servire il liberissimo Tavano. Al minuto 11 è ancora Nainggolan a impegnare Bassi e un minuto dopo è Iturbe a provarci di testa ma Rui attento riesce a salvare sulla linea di porta. Alla fine del primo tempo Ljajic tira potente ma la sua conclusione viene neutralizzata dal super portiere toscano.

Il secondo tempo vede l’Empoli sempre pronto con le sue ripartenze di rimessa e la Roma che continua a macinare gioco come un turbo diesel. Al 7° la svolta della partita con il rigore accordato alla Roma per fallo di Zielinski su Paredes e De Rossi calcia come sa per il vantaggio romanista. L’Empoli nonostante la botta psicologica e…le proteste di rito sul rigore concesso, prova a reagire e al 15° Tavano ha la palla giusta per i…calci di  rigore ma il suo tiro viene parato dall’estremo giallorosso in versione salvatore della patria. Per la Roma arrivano i quarti contro la vincente di FiorentinaAtalanta e se dovesse approdare alle semifinali e poi in finale…chissà che il destino non riproponga l’eterno duello con i cugini per una chance di rivincita che a questo punto sarebbe storica.

Roma 4-3-3: Skorupski, Maicon, Yanga-Mbiwa, Astori, Cole (Holebas)De Rossi, Pjanic (Paredes), Nainggolan, Totti (Ljajic), Destro, Iturbe, all. Garcia;

Empoli 4-3-1-2: Bassi, Barba, Laurini (Hysai), Bianchetti, Mario Rui, Signorelli, Vecino, Laxalt, Saponara (Zielinski), maccarone (Verdi),Tavano. all. Sarri;
 

Condividi quest'articolo su -->

Di Roberto Crudelini

Roberto Crudelini
Nato nel 1957. Laureato in Giurisprudenza, ha collaborato con Radio Blu Sat 2000 come autore e sceneggiatore dei Giornali Radio Storici, ha pubblicato "Figli di una lupa minore" con Rubettino, "Veni, vidi, vici" e "Buona notte ai senatori" con Europa Edizioni e "Dai fasti dell' impero all'impero nefasto" con CET: Casa Editrice Torinese. Collabora con Elzeviro.eu fin dalla sua fondazione, nel 2011.

Cerca ancora

Miracolo al numero 175 di via Druento

COMMENTO AL CAMPIONATO La Juve vince a Bologna e per un pelo ce la fa …