Home / Affari di Palazzo / Politica interna / Studenti da Nord a Sud uniti contro la Dad

Studenti da Nord a Sud uniti contro la Dad

Condividi quest'articolo su -->

Dopo l’ennesimo rinvio della riapertura delle scuole, i ragazzi sono scesi in piazza per protestare contro la Didattica a Distanza (Dad) e chiedere il ritorno in sicurezza all’interno degli instituiti. La mobilitazione organizzata da studenti, insegnanti e genitori si è tenuta in ben 19 città italiane. Tutti contro un unico nemico: il Miur, che ha dimostrato un’altra volta la sua incompetenza.

Dad diventa l’acronimo di “Dannazione Azzolina dimettiti”: così recitano le frasi sui manifesti in Piazza Duomo a Milano. Gli studenti non riescono più a stare zitti di fronte all’ennesima prova della trascuratezza e superficialità che questo Paese rivolge alla scuola.

La ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, nonostante le critiche ricevute, si unisce a loro e ammette che la Dad non funziona più. Secondo quanto dichiarato da lei in un’intervista a Radio Rai1, alcune Regioni che si stanno opponendo alla riapertura degli istituti, dovrebbero iniziare a pensare alle scuole come a delle aziende:

Si fa l’errore di credere che la scuola non produca incassi: se io chiudo un negozio so purtroppo quanto ho perso, sulla scuola questo discorso non si fa ma i costi sono altissimi, il messaggio deturpante per cui nelle regioni gialle è tutto aperto tranne la scuola lascia cicatrici enormi.

È difficile per gli studenti comprendere perché non rientrano a scuola, capisco la loro frustrazione. La scuola è un diritto costituzionale se a me avessero tolto la scuola non sarei probabilmente qui. I ragazzi hanno bisogno di sfogare la loro socialità. C’è un blackout della socialità, i ragazzi sono arrabbiati, disorientati e sono preoccupata per il deflagrare della dispersione scolastica.

Gli studenti continuano a ricevere le solite rassicurazioni, ma ancora niente fatti

Scuole aperte, rientro immediato in sicurezza, maggiore investimento sui trasporti, screening periodico del personale scolastico e inserimento dei docenti più fragili nella prima fase del piano vaccinale. Sono le richieste del Comitato “Priorità alla Scuola” che ha promosso un sit-in davanti al Miur a Roma. “Non si può tenere aperto tutto, mentre la scuola resta sempre chiusa, da ormai un anno”.

Questi giovani rappresentano il domani, perciò devono diventare la priorità del Paese. La didattica a distanza è stata un’ancora di salvezza durante la fase di emergenza ma ha fortemente penalizzato gli studenti sia dal punto di vista didattico, sia psicologico. Essi sostengono che “la didattica a distanza non può essere il modello”– aggiungono – “la scuola da casa non è scuola” .

Mentre le persone fanno aperitivo fino alle 18, i ragazzi si vedono togliere il diritto all’istruzione

Le procedure anti contagio e anti Covid non possono garantire al 100% che un alunno non prenda o non trasmetta il virus, ma il rischio zero non esiste in alcun ambito. Gli studi italiani ed europei dimostrano, tuttavia, che il pericolo nelle scuole è molto basso. Perciò bisogna riaprire a tutti i costi, non solo per gli studenti, ma per il futuro del nostro paese.

Condividi quest'articolo su -->

Di Andreea Sbiera

Avatar
Studentessa al terzo anno di Innovazione sociale, comunicazione e nuove tecnologie presso l'Università di Torino.

Cerca ancora

Fedez paladino dei diritti? Ma per cortesia…

No, non mi avete convinto. Paolo Desogus Non spenderò un briciolo di fiducia per un …