Home / Affari di Palazzo / Politica interna / La stampa britannica

La stampa britannica

Condividi quest'articolo su -->
Osserva attentamente la nostra politica, la passa ai raggi x, la interpreta e la commenta per i suoi elettori. L’autorevole “Financial Times” di Londra ieri ha titolato così la caduta del governo italiano:” Renzi ha compiuto un assassinio politico accoltellando il suo compagno di partito”. Punto, non c’è altro da aggiungere. Fa parte “dell’italian Job” come scrivono gli inglesi, perché job non significa solo lavoro, ma anche “affare sporco”, un intrallazzo, comunemente chiamato inciucio. 
 

La nostra politica, oltre la Manica, viene giudicata in questo modo senza tanti giri di parole, ricordandoci una celebre battuta in un film in bianco e nero degli anni cinquanta interpretato da Humphry Bogart : “E’ la  stampa bellezza, e tu non puoi farci niente!”. Già, possono scrivere cosa vogliono, ma diciamolo francamente anche noi che Letta è stato brutalmente licenziato ed in modo inelegante. Merita l’onore delle armi per la dignità con cui ha affrontato la situazione, limitandosi a dire (facendo riferimento alla bibbia) “i farisei mi hanno sfiduciato”. Non una parola di più, dopo aver sottolineato che non si sarebbe candidato alle europee. Dal canto suo Napolitano, anche stanco, prima di abbandonare il Quirinale vuole lasciare L’Italia ” a posto”, ma non sarà facile. 
 
Non è detto che la XVII legislatura, che sta per incominciare, duri fino al 2018. Per i superstiziosi il 17 porta male, e chi corre troppo rischia di andare a sbattere rompendosi le ossa. In politica non c’è mai nulla di scontato, anche se Renzi s’è riempito le tasche di amuleti. Gira e rigira , dal momento che la nuova legge elettorale (già impantanata) fa parte di un pacchetto che comprende anche la riforma costituzionale che cancella il Senato, gli italiani potrebbero essere chiamati alle urne prima che tutto ciò avvenga. Quindi rischiamo di votare ancora una volta col “porcellum”, così come corretto e riveduto dalla Consulta. 
 
Non si sa mai: non è assodato il potere taumaturgico di Renzi che blatera di abbassare le tasse ma provvede subito a tassare i risparmi della gente (come ha anticipato Giorgia Meloni a Matrix (14/02) e come ha ribadito il Tg delle 13 di oggi). Matteuccio incomincia male, gli è già caduta la maschera.
 

Giuseppe Franchi, Naa 

Condividi quest'articolo su -->

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

La spigolatrice e l’involuzione della lotta politica

Dopo un lunghissimo percorso involutivo, il dibattito politico è sprofondato ulteriormente, in modo emblematico, con …