Home / Affari di Palazzo (pagina 266)

Affari di Palazzo

La livella

di Demetrio Morabito di Vigoreto È vano che Matteo Renzi parli dalla mattina alla sera di riforme, perché quelle capaci di salvare il Paese non può nemmeno proporle. Per questo ci gingilliamo con sciocchezze come gli ottanta euro in più al mese a pochi lavoratori: non tutti, si badi, e …

Leggi tutto »

La stramba analisi del prof. Prodi: “Senza il progetto europeo l’Italia non sarebbe il paese moderno che oggi è”

E’ solo analizzando il cursus honorum del professore emiliano risoprannominato “mortadella” che possiamo comprendere come certe esternazioni possano essere fatte nonostante l’evidenza dei fatti tenda a destituirle di fondamento. Prodi come molti suoi colleghi docenti universitari di economia è un paladino dei tagli al welfare, delle privatizzazioni e dell’asuterity. Lo …

Leggi tutto »

Electrolux detta legge nello Stato italiano

Non è un caso che proprio un gran pensatore come Adam Smith avesse già previsto la pericolosità dei grandi aggregati economici pronti ad accaparrarsi ogni fetta di mercato. Nel suo saggio “Indagine sulla natura e le cause della ricchezza delle nazioni” questo punto non è stato però preso in considerazione …

Leggi tutto »

La politica è una malattia

LA POESIA  Quando colpiscenon guarisce più,con gli anni aumentae si incancreniscein una dolente cronicità.Non serve evocare il passatoper poi dimenticarlo in fretta annientati dalla realtà. I giovani politicicialtroni e pasticcioni che seguono le tracce imposte dall’Unione europeadevono voltarsi indietroa guardare da vicino chi ha fatto la storia.Quella era gente che credeva in ciò che faceva,persone che …

Leggi tutto »

Matteo Garibaldi

E’ stato Tony Blair a definire il nostro giovane premier il nuovo Garibaldi, ma l’eroe dei due mondi (dopo gli inizi gloriosi) venne ferito all’Aspromonte durante la spedizione del 1862 (alla quale il re non era estraneo) ed alla fine si ritirò nell’isoletta di Caprera. Tirando le somme, Renzi fa …

Leggi tutto »

Ungheria sovrana e identitaria

Viktor Orban termina la sua prima legislatura e, nelle elezioni tenutesi ieri in Ungheria, viene riconfermato con un’ampissima maggioranza alla guida del governo del paese. Le oceaniche manifestazioni di cui vi abbiamo dato conto, si sono ripetute nella giornata di ieri per festeggiare il plebiscito: il 46% dei voti sono …

Leggi tutto »

Il cronoprogramma di Renzi è un pasticcio

Spacciare come un successo l’eliminazione di 3mila consiglieri quando in realtà si aumenteranno di circa 25mila unità con il pasticciaccio di 12 città metropolitane ed altri pateracchi, è un’offesa all’intelligenza degli italiani. Rendere il Senato non più elettivo per sostituirlo con tutti i brontosauri “rossi” della politica come Fassino, Chiamparino, …

Leggi tutto »

Il voto è sempre uno scambio

Mafia o non mafia, quando si parla di elezioni lo scambio è d’obbligo. Dice il politico: “tu dammi il voto, io difenderò i tuoi interessi“. In realtà, dopo le promesse e la propaganda cucinata in tutte le salse per renderla più appetitosa ed invitante, le marionette sulla scena penseranno solo …

Leggi tutto »

Separatismo

La Comunità Internazionale tira un respiro di sollievo. Sono stati arrestati tutti i pericolosissimi “secessionisti veneti”. Oltre al temibilissimo carro armato “TANKO” le cui foto sono arrivate anche sulla scrivania di Obama, di giorno in giorno vengono rivelati i pezzi importanti dell’arsenale. Dalle micidiali biro BIC trasformate in cerbottane a qualche …

Leggi tutto »