Home / Affari di Palazzo / Michele Serra, l’ipocrita sacerdote della frugalità

Michele Serra, l’ipocrita sacerdote della frugalità

Condividi quest'articolo su -->

Ancora una volta, “l’amaca” si dimostra metafora emblematica di Michele Serra: l’opinionista che, da una posizione di comodità e privilegio, pontifica sulle difficoltà di un mondo che non conosce. O che, come nell’ultima fattispecie, persuade il popolino ad accettare una crisi che non lo ha investito.

di Antonio Di Siena

Illuminante l’amaca di Michele Serra. In un lucidissimo delirio di liberismo misto a darwinismo sociale, il nostro illustre opinionista ci ammonisce dal non avere troppe pretese. Sentenziando che pretendere che ci venga restituito tutto ciò che ci è stato tolto a causa della pandemia è “protervo e parimenti sciocco”.

Secondo Serra, infatti, anche se oggi abbiamo lo Stato sociale mica possiamo rivendicare tutele, sostegno economico, sanità. No! Dobbiamo accontentarci di quel che passa il convento. Come facevano i servi che tendevano speranzosi la mano al padrone per un’offa, un’elemosina, un tozzo di pane. Prendendo quel che viene.

Perché la pandemia è piovuta dal cielo, mica tutto il dramma umano e sociale che si è abbattuto su decine di migliaia di famiglie è stato causato da decenni di de-industrializzazione, tagli al welfare e alla sanità e da un piano pandemico inesistente. È stata solo sfortuna, perché “la sfiga esiste”. E “non esiste il diritto alla ricchezza e al reddito invariato”.

In buona sostanza per questa sottospecie di intellettuale che parla come un curato di qualche secolo fa, siamo come i servi della gleba. Né più né meno. E non dobbiamo lamentarci se siamo più poveri di prima. È successo, volontà di Dio. Amen.

Una roba allucinante che non meraviglia affatto venga sostenuta da gente considerata il riferimento culturale e ideologico di una sinistra passata dalla lotta di classe al determinismo storico più becero. Scritta e propagandata unicamente per nascondere una verità molto scomoda.

Altrove nel mondo (UK, USA, Cina, Giappone, Australia, Israele, ognuno a modo proprio e a seconda del proprio modello politico-economico ) il sostegno dello Stato è arrivato. Perché da quelle parti lo Stato esiste. E piano piano quei popoli non vengono soltanto rimessi nelle condizioni ex ante. Ma addirittura si pongono le basi per ripartenze ancora più robuste.

Noi invece no. Perché noi siamo cittadini di un’entità astratta, Leuropa, rappresentata come fosse legge naturale dell’uomo. Un destino ineluttabile a cui non possiamo sottrarci. Anche a costo di tornare al medioevo.
Condividi quest'articolo su -->

Cerca ancora

La complessa partita del Quirinale

Solo uno sprovveduto o una persona in assoluta malafede può credere che le lotte intestine …