Home / Affari di Palazzo / Esteri / La NATO scivola verso una guerra contro la Russia in Ucraina?

La NATO scivola verso una guerra contro la Russia in Ucraina?

Condividi quest'articolo su -->

La Russia sta indagando sulle segnalazioni di droni d’attacco turchi dispiegati per la prima volta negli otto anni di guerra civile in Ucraina.

di Finian Cunningham

Le forze armate ucraine (UAF) sotto il comando del regime di Kiev hanno affermato che i droni sono stati utilizzati all’inizio di questa settimana in combattimento contro i ribelli di etnia russa.

Questa è un’escalation potenzialmente drammatica nella guerra senza fuoco. Perché segna il coinvolgimento diretto della Turchia, membro della NATO, nel conflitto. Fino ad ora, gli Stati Uniti e altri stati della NATO hanno fornito armi letali al regime di Kiev per proseguire la sua guerra contro le repubbliche secessioniste di Donetsk e Luhansk.

È noto anche che i consiglieri militari americani, britannici e canadesi hanno svolto missioni di addestramento con unità di combattimento UAF. La Gran Bretagna è in trattative per vendere missili Brimstone alla marina ucraina.

Ma l’apparente dispiegamento di droni d’attacco turchi

è un potenziale punto di svolta. Il ministro degli esteri russo Sergei Lavrov ha accennato alla gravità quando ha annunciato mercoledì che Mosca stava svolgendo indagini urgenti sulla presunta partecipazione dei velivoli senza pilota Bayraktar TB2 di fabbricazione turca.

In precedenza, Lavrov aveva rimproverato alla Turchia di rimanere fuori dal conflitto e di non alimentare le ostilità ucraine.

La scorsa settimana, il presidente russo Vladimir Putin ha avvertito che il sostegno della NATO al regime di Kiev rappresenta una minaccia diretta per la sicurezza nazionale della Russia. La valutazione del Cremlino non può che essere più allarmata dal momento che la Turchia, membro della NATO, è ora implicata come uno dei protagonisti della guerra. Con ogni probabilità, il personale militare turco sarebbe tenuto ad assistere nell’operare i voli dei droni.

La guerra nella regione dell’Ucraina orientale

conosciuta come Donbass dura da quasi otto anni. È stato innescato dopo un colpo di stato sostenuto dalla NATO a Kiev nel febbraio 2014 contro un governo eletto che era stato allineato con la Russia. Il nuovo regime era caratterizzato dalla politica anti-russa e dall’ideologia neonazista. La popolazione etnica russa del Donbass ha respinto il regime appoggiato dall’Occidente, portando a una guerra.

Anche il popolo di etnia russa della Crimea ha votato in un referendum nel marzo 2014 per la secessione dall’Ucraina e per unirsi alla Federazione Russa con cui ha secoli di storia condivisa. Le forze di Kiev sono accusate di aggressione e potenziali crimini di guerra per aver bombardato abitazioni civili e infrastrutture. Questa settimana un deposito di petrolio a Donetsk è stato bombardato da un drone. Non è chiaro se il drone fosse una delle armi turche.

I governi occidentali e la NATO accusano la Russia di invadere l’Ucraina orientale e di annettere la Crimea. Mosca lo rifiuta come un’assurda distorsione della realtà. Tale diffamazione è senza dubbio in parte il motivo per cui la Russia ha interrotto i legami diplomatici la scorsa settimana con la NATO.

La Russia afferma di non essere parte diretta del conflitto in Ucraina

Indica l’accordo di Minsk negoziato nel 2015 con Francia e Germania, che afferma chiaramente che il russo non è parte in conflitto. L’accordo obbliga Kiev a concedere l’autonomia alla regione del Donbass. Tuttavia, il regime di Kiev si è ostinatamente rifiutato di attuare l’accordo di Minsk, anche se il presidente in carica Volodymyr Zelensky è stato eletto nel 2019 con la promessa elettorale di perseguire un accordo politico.

L’emergente asse Kiev-Ankara non è inaspettato. La Turchia ha espresso un crescente sostegno all’Ucraina. Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha recentemente rilasciato dichiarazioni provocatorie sul non riconoscimento della Crimea come territorio russo e sulla restituzione della penisola all’Ucraina.

La scorsa settimana ha visto anche la visita a Kiev del Segretario alla Difesa Usa Lloyd Austin durante la quale il capo del Pentagono ha criticato aspramente la Russia definendola “aggressore” nel conflitto ucraino. Austin ha anche detto truculentemente a Mosca che la linea rossa di quest’ultima sull’adesione dell’Ucraina alla NATO era nulla. Quasi a sottolineare la determinazione del Pentagono, due bombardieri B-1B con capacità nucleare hanno volato dal Texas al Mar Nero dove sono stati respinti dai caccia russi.

Poi c’è stato anche il vertice dei ministri della difesa della Nato

a Bruxelles la scorsa settimana in cui è stato presentato un nuovo “piano generale per contenere la Russia”. Il ministro della difesa tedesco Annegret Kramp-Karrenbauer ha continuato dicendo che le armi nucleari erano necessarie in Europa per contenere la Russia. I suoi commenti hanno provocato una risposta furiosa da Mosca che ha convocato per protesta l’incaricato d’affari militare tedesco.

Inoltre, è molto pertinente che Francia e Germania – gli altri due garanti dell’Accordo di Minsk insieme alla Russia – siano rimasti in silenzio nonostante le continue violazioni del cessate il fuoco in Donbass da parte delle forze del regime di Kiev. Ogni settimana, ci sono bombardamenti offensivi e attacchi di mortaio attraverso la linea di contatto che colpiscono siti civili a Donetsk. Eppure Parigi e Berlino mantengono un silenzio di pietra. Questa non è che una complicità silenziosa nel condonare l’aggressività.

Tutto sommato, i segnali equivalgono a una luce verde brillante da Washington e dai suoi alleati della NATO al regime di Kiev per intensificare le ostilità contro il Donbass. Questo alla fine significa Russia.

Ora, con i rapporti sui droni turchi

che aumentano la potenza di fuoco delle forze armate ucraine, il che dimostra che la NATO è effettivamente in guerra alle porte della Russia.
I droni turchi sono stati schierati in diversi conflitti recenti: in Libia a sostegno del governo di Tripoli contro le forze di Khalifa Haftar sostenute dalla Russia; in Siria contro le forze governative siriane appoggiate dalla Russia; nel Nagorno-Karabakh a sostegno dell’Azerbaigian contro l’Armenia. In quest’ultima guerra, si credeva che i droni di Ankara avessero giocato un ruolo decisivo nel dare il sopravvento all’Azerbaigian.

Ironia della sorte, quando il leader russo Vladimir Putin ha ospitato Erdogan il mese scorso a Sochi, i due sembravano impegnarsi in uno scambio amichevole. Il presidente turco ha anche recentemente irritato le relazioni con la NATO per presunte interferenze negli affari interni della Turchia. Si è parlato di Ankara che si sta muovendo verso Mosca in allineamento geopolitico. Sembra fuori luogo.

Per quanto riguarda l’Ucraina, Ankara sembra stabilire il ritmo per il crescente coinvolgimento della NATO nella guerra del paese. Dato il patto di difesa collettiva della NATO e le già difficili relazioni con Mosca, il volubile Erdogan sta tentando un destino molto pericoloso.

Condividi quest'articolo su -->

Cerca ancora

La prima pagina de La Stampa: un mix di disinformazione e impudenza

Nella prima pagina odierna il quotidiano La Stampa stabilisce un nuovo punto d’arrivo nelle tecniche …