Home / Affari di Palazzo / Economia e finanza / La guerra sociale in atto nell’America post Trump

La guerra sociale in atto nell’America post Trump

Condividi quest'articolo su -->

L’anno 2021 è iniziato con alcuni momenti bui e spartiacque per gli Stati Uniti. Il 1° gennaio, i Democratici alla Camera dei Rappresentanti hanno presentato un nuovo disegno di legge che rappresenta il passo successivo nell’abolizione dei valori familiari tradizionali e delle differenze di sesso (genere). I pronomi “lui” e “lei” non saranno più terminologia accettabile e non verranno utilizzati.

di Leonid Savin

Il documento registrato afferma:

Nella clausola 8(c)(3) della regola XXIII, rimuovete ‘padre, madre, figlio, figlia, fratello, sorella, zio, zia, primo cugino, nipote, nipote, marito, moglie, padre- suocero, suocera, genero, nuora, cognato, cognata, matrigna, matrigna, figliastra, fratellastro, sorellastra, mezzo fratello sorella, nipote o nipote’ e inserite‘genitore, figlio, fratello’ [termine medico per discendenza degli stessi genitori, sia fratelli che sorelle].

Sebbene i Democratici abbiano combattuto per tale terminologia in passato, sembra che ora sarà formalizzata negli Stati Uniti a livello federale e ogni cittadino sarà costretto a obbedire a queste nuove regole, nonostante siano contrarie al buon senso.

Il 4 gennaio, in apertura di una nuova sessione del Congresso, al termine della tradizionale preghiera è stata pronunciata la strana “awomen” al posto del solito “amen”, oggetto di discussione ben oltre i confini americani.

Questo atto di “neutralità di genere”, così come è stato presentato dai Democratici, era in realtà una manifestazione della usuale stupidità, mediocrità e follia di quei politici statunitensi che perseguono un’agenda globalista e neoliberista, i quali credono che sia l’unica forma possibile di organizzazione politica (che, dal loro punto di vista, trasforma automaticamente dissidenti e oppositori in “fascisti”, “terroristi” e semplicemente “cattivi”).

 

Gli ultimi tentativi di Trump

di opporsi ai Democratici e mobilitare i suoi sostenitori per contestare la vittoria di Biden non hanno prodotto il risultato sperato. In effetti, c’è stato uno scisma nel Partito Repubblicano sul sostegno a Trump.

I senatori Josh Hawley (Missouri) e Ted Cruz (Texas) hanno cercato di sostenere Donald Trump al Congresso degli Stati Uniti, mentre molti dei loro colleghi di partito (come Rob Portman dell’Ohio e Mike Lee dello Utah) si sono schierati dalla parte opposta, definendo le affermazioni di Trump infondate.

Va notato che Hawley e Cruz sono potenziali candidati del Partito Repubblicano per le elezioni presidenziali statunitensi del 2024 e le loro dichiarazioni potrebbero essere un modo per ottenere il sostegno di quella parte dell’elettorato che ha votato per Trump.

A seguito degli eventi del Congresso degli Stati Uniti del 6 gennaio, tuttavia, Ted Cruz ha dichiarato che Trump ha una certa responsabilità per l’assalto al Campidoglio a causa della sua retorica arrabbiata.

Molti politici statunitensi si sono affrettati

ad esprimere le loro opinioni sull’azione senza precedenti intrapresa dai sostenitori di Donald Trump. Dai paragoni con l’incendio della Capitale da parte degli inglesi nel 1814 a frasi banali sulla minaccia alla democrazia, l’incidente è stato perlopiù condannato senza alcun tipo di tentativo di comprenderne la causa o di analizzarne gli errori.

Con una certa originalità, l’ex presidente degli Stati Uniti George W. Bush ha affermato che gli Stati Uniti si stanno trasformando in una repubblica delle banane. Michael Lind è d’accordo con lui, osservando:

Come se fosse necessaria una prova che gli Stati Uniti sono ora una repubblica delle banane, solo tre presidenti nella storia americana sono stati messi sotto accusa e due degli ultimi quattro presidenti sono stati messi sotto accusa dal partito di opposizione al Congresso.

A differenza degli ex e attuali politici di alto livello, tuttavia, Michael Lind ha offerto una teoria dettagliata di ciò che è accaduto.

Lind crede che gli Stati Uniti

stiano attraversando cinque crisi simultanee. Oltre all’assalto al Campidoglio il 6 gennaio 2021, menziona anche un evento precedente che ha avuto luogo l’8 giugno 2020, quando la polizia di Seattle ha evacuato l’edificio del loro distretto e c’è stato quasi un mese di stallo tra gli anarchici e il governo. Pertanto, il problema non è con il movimento MAGA stesso, che è solo un riflesso della realtà americana, compresa la polarizzazione della società o almeno di coloro che sono politicamente attivi.

La prima crisi è politica ed affonda le sue radici negli anni ’70, quando furono adottate nuove regole per le primarie. Ciò ha minato il sistema precedente, che aveva limitato il potere di presidenti, membri del Congresso e leader politici. Ora, qualsiasi magnate può scivolare facilmente nelle alte sfere della politica. I due partiti si trasformarono anche in macchine di controllo politico con rigida burocrazia e servilismo.

La seconda crisi è legata alla perdita di identità, poiché gli Stati Uniti hanno perso il senso generale del patriottismo. L’identità nazionale comune del Paese si è divisa in gruppi religiosi, movimenti etnici e razziali e questioni astratte legate al genere come i diritti delle donne e LGBT.

La terza crisi è sociale

e si manifesta nell’anomia sociale, nell’attività dei media e nella manipolazione delle masse da parte di fondazioni dubbie, come hanno fatto i Democratici con Antifa e i gruppi di sinistra in tutto il Paese nel 2020.

La quarta crisi è demografica. Il tasso di fertilità tra gli americani è attualmente 1,77 mentre il tasso di fertilità degli immigrati è molto più alto. Inoltre, questo calo del tasso si è verificato relativamente di recente. Nel 2007 era di 2,12.

La quinta crisi si è verificata nell’economia e la colpa è di entrambe le parti. Invece di incoraggiare le tecnologie per il risparmio di manodopera dei lavoratori, sono stati utilizzati schemi di arbitrato del lavoro, con conseguente delocalizzazione dei posti di lavoro (dove i tassi di retribuzione sono bassi) e un afflusso di migranti in professioni a basso reddito. Anche l’occupazione nel settore privato è scesa al 6%, la stessa cifra di Herbert Hoover.

Michael Lind nota un altro fatto interessante

l’attacco al Campidoglio da parte dei sostenitori del MAGA è avvenuto dopo che la società di generi alimentari proprietaria di Vons, Pavilion e altre catene in California ha annunciato che avrebbe licenziato i suoi autisti di consegna a tempo pieno e li avrebbe sostituiti con lavoratori a chiamata [gigworkers].

Tutte le promesse sulla creazione di nuovi posti di lavoro meglio retribuiti nell’ “economia della conoscenza” si sono rivelate bugie. Pertanto, Lind ritiene che la colpa non sia di Trump e Obama, ma di diversi precedenti regimi che hanno portato il Paese in questo stato.

La corruzione è un altro fenomeno sistemico negli Stati Uniti che influisce negativamente su ogni sfera della vita.

Peter Van Buren scrive in The American Conservative

che, in realtà, la corruzione negli Stati Uniti è così grande che è semplicemente impossibile combatterla. Cita truffe che coinvolgono varie fondazioni come la Fondazione Clinton, che ha preso soldi semplicemente per organizzare incontri con Hillary Clinton.

O l’azienda di famiglia dei Biden, che ha incassato più di 15 milioni di dollari tra il 2016 e il 2020. Esistono anche tutti i tipi di schemi di riciclaggio di denaro: Joe Biden ha ricevuto 10 milioni di dollari come pagamento per un libro che nessuno ha letto, ad esempio. Joe Biden ha anche una società S-corporation che evade le tasse e ha donato denaro al suo Super PAC (comitato di azione politica).

Poi c’è Hunter Biden, che ha guadagnato milioni in Cina e Ucraina attraverso vari schemi discutibili e politicamente sfumati e non paga le tasse negli Stati Uniti. I dettagli dei suoi piani sono già stati divulgati dalla stampa americana. Attualmente è ancora sotto inchiesta.

Ma i conservatori non sono gli unici

a parlare del livello incredibilmente alto di corruzione negli Stati Uniti. Anche il Financial Times, che difficilmente può essere accusato di simpatizzare con la destra, sottolinea che la corruzione è penetrata in ogni sfera di attività, in primo luogo affari e politica. L’articolo afferma che, grazie al “patto col diavolo delle corporazioni americane”, negli Stati Uniti si è formato un oligopolio e, di conseguenza, non c’è né democrazia né forma di governo repubblicana.

L’analisi e le opinioni di vari autori e commentatori possono essere influenzate dal loro pregiudizio politico, quindi, per avere un quadro completo di ciò che sta accadendo, è necessario rivolgersi alle statistiche.

Un sondaggio condotto dall’Institute for Advanced Studiesin Culture dell’Università della Virginia dal titolo “Democracy in Dark Times” è di particolare interesse per quanto riguarda quanto sta accadendo negli Stati Uniti. Si è concentrato sulla campagna elettorale del 2020 e sulla cultura politica americana, ma le domande poste riflettono l’atmosfera generale e le tendenze attuali.

Ad esempio, la stragrande maggioranza ha riconosciuto che le recenti elezioni sono state corrotte. Questa opinione è stata espressa dal 62% dei repubblicani interrogati, dal 57% dei democratici e dal 54% degli indipendenti.

 

Traduzione a cura di Costantino Ceoldo

Condividi quest'articolo su -->

Cerca ancora

25 aprile: la Germania alla fine ha vinto lo stesso

Immaginate di essere i protagonisti di un romanzo distopico simile a “La svastica sul sole” …