Home / Affari di Palazzo / Esteri / Quel disgustoso doppiopesismo occidentalista sulla guerra in Siria

Quel disgustoso doppiopesismo occidentalista sulla guerra in Siria

Condividi quest'articolo su -->

Aleppo e Mosul: l’ipocrisia dei media occidentali non conosce limiti.

Questa la prima sensazione che si prova nel vedere le immagini dell’inizio dell’offensiva per “liberare” Mosul dalla occupazione dell’Isis di Al Baghdadi. Ancor più acuita dai commenti degli inviati radiotelevisivi e della carta stampata sulla epicità dell’impresa.

L’esercito iracheno, appoggiato dagli alleati delle milizie sciite, dai peshmerga curdi, dagli americani, dagli inglesi, dai francesi e pure dagli italiani (in caso di “bisogno”) ha iniziato il bombardamento delle postazioni del Califfo.

L’Onu ha messo in guardia questo imponente schieramento dal pericolo del ricreare “una nuova Aleppo”, presupponendo che si combatterà quartiere per quartiere e che 1.500.000 civili resteranno intrappolati nella battaglia.

Vero e giusto, il rischio che accada proprio questo è concreto e reale… ma, allora, perché il doppio peso di valutazione politica e mediatica degli occidentali Nato ed union’europeisti?

Aleppo è una grande e storica città della Siria sottratta al controllo del legittimo (piaccia o meno, tale è di fronte all’Onu) governo di Al-Assad (più o meno dal 2012) grazie alla “rivolta” di terroristi armati e finanziati dagli Usa, dalla Turchia e dall’Arabia Saudita che, mai del tutto, se ne impossessarono schierando uomini, in gran parte neppure siriani.

Dopo una eroica resistenza dei quartieri “governativi” e grazie al massiccio intervento degli alleati russi, iraniani, hezbollah e pure palestinesi, i soldati di Assad hanno quasi completato la difficilissima riconquista della città..certo, pur con migliaia di morti tra i civili per bombardamenti nelle due zone.

Lo strepito ed il (finto) pianto dei corrispondenti dei media generalisti nostrani per il “massacro di Aleppo” non ha tenuto in conto alcuno le ragioni di diritto internazionale che, per l’altra metà del mondo (Cina e Russia per prime), danno ragione alla Siria di Assad nella difesa della propria sovranità ed integrità territoriale.

Mostro il “Presidente Leone”, mostro Putin che lo difende, “terroristi” Hezbollah Palestinesi, guerrafondai a Teheran.

Ora inizia l’assalto a Mosul degli “alleati” iracheni (pure sciiti filo-iraniani) ad una città che, peraltro, sunnita fedele a Saddam Hussein era e tale si è dimostrata accettando Al Baghdadi ed i generali del defunto Rais.

Risulta quindi evidente, a chiunque appena rifletta sulle notizie che sente e legge, questa domanda: perché un legittimo governo può assaltare e bombardare una città occupata da terroristi se siamo in Irak e non può farlo se siamo in Siria?

Terroristi sono gli uni (Isis), terroristi tagliagole sono gli altri (i filoccidentali).

Non può essere BombObama a decidere per tutto il mondo come se fosse un dio e non ci riuscirà, tantomeno dovesse succedergli la Clinton. Il Grande Satana questa volta finita “scornato”.

 

@v_manello

Condividi quest'articolo su -->

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

Macron e il pass vaccinale

Con una mossa controversa e disperata il presidente francese annuncia un provvedimento che, di fatto, …