Home / Affari di Palazzo / Economia e finanza / La coppia liberista Boeri Perotti che vuole ridurre i fondi alle università

La coppia liberista Boeri Perotti che vuole ridurre i fondi alle università

Foto Fabio Cimaglia / LaPresse 04-02-2019 Roma Politica Il Presidente dell'INPS Tito Boeri ospite di Otto e Mezzo Nella foto Tito Boeri Photo Fabio Cimaglia / LaPresse 04-02-2019 Roma (Italy) Politic Tito Boeri guest for Otto e Mezzo In the pic Tito Boeri

Condividi quest'articolo su -->

Su Repubblica è comparso un articolo firmato da Tito Boeri e Roberto Perotti, la nuova coppia liberal-liberista che intendere prendere il posto del vecchio duo formato da Giavazzi e Alesina.

di Paolo Desogus

Il tema è il finanziamento della ricerca che i due economisti vorrebbero fosse ripensato in modo selettivo, premiando cioè gli atenei più meritevoli.

C’è una frase inquietante nella prima metà dell’articolo, in cui si afferma che non tutte le università possono essere d’eccellenza. Per Boeri e Perotti il finanziamento alla ricerca, per dare buoni frutti, deve essere infatti alimentato dal principio della diseguaglianza che ricalca, come sappiamo, il principio di competizione capitalistica.

La diseguaglianza produce concorrenza e la concorrenza mette in moto i soggetti coinvolti, li spinge e liberare le proprie energie e dunque, secondo la logica adamantina dei due economisti, a fare buona ricerca.

Si tratta naturalmente solo di una posizione ideologica

frutto di un profondo fanatismo culturale che ha già prodotto esiti nefasti quando Renzi, negli anni del suo governo, l’ha fatta propria col risultato che i finanziamenti sono quasi tutti finiti nelle casse delle università più forti e blasonate del nord a svantaggio delle più deboli, collocate quasi tutte nel Mezzogiorno.

Il modello di Boeri e Perotti è un modello essenzialmente classista, che pensa alla ricerca solo nei termini del profitto e che ha della cultura e dell’attività scientifica un’idea essenzialmente subalterna al mercato.

A questo poi si aggiunge il disprezzo verso la figura del ricercatore, concepito da questi due presunti competenti come una specie di robot che deve trotterellare da una parte all’altra, perennemente impegnato nella caccia ai finanziamenti e dunque impegnato per metà del suo tempo nella stesura di elefantiaci progetti smart (qualcuno ha mai dato un’occhiata al modello dell’ERC?).

“Eccellenza” è infatti solo uno dei tanti termini del vocabolario neoliberale

che intente rendere precaria e ideologicamente sottomessa la vita e il lavoro dei ricercatori. Solo gli ingenui fingono di non sapere che non è il merito che premia i progetti, ma è la loro rispondenza all’esigenza dei soggetti più forti del mercato, che già con la riforma Gelmini condizionano la ricerca dentro i consigli di amministrazione degli atenei.

Abbiamo bisogno di una ricerca libera dai condizionamenti del capitale, che favorisca l’equa distribuzione nel territorio italiano e la collaborazione tra studiosi, esseri umani non schiavi. Non solo, dunque, occorre rifiutare nettamente la proposta di Boeri e Perotti, ma è necessario cancellare le riforme che portano all’aziendalizzazione dell’università.

 

Leggi anche:

Degrado culturale: saranno aboliti i voti numerici a scuola

Condividi quest'articolo su -->

Cerca ancora

Partite IVA: riaperture light? Un misero contentino

Quelle che oggi il premier Draghi e il ministro Speranza hanno chiamato trionfalisticamente riaperture sono …