Home / Affari di Palazzo / Economia e finanza / 100 miliardi offerti dal mercato per i Btp, ma il Governo non li ha presi: perché?

100 miliardi offerti dal mercato per i Btp, ma il Governo non li ha presi: perché?

Condividi quest'articolo su -->

Le cospirazioni esistono, sono fatte di accordi tenuti sottobanco, stretti “col favore delle tenebre”, ma i loro esiti sono pubblici e con l’uso della razionalità perfettamente ricostruibili.

di Enea Boria

Due esempi concreti, di stringentissima attualità.

Pochi giorni fa l’asta dei btp quinquennali ha avuto un notevole successo, in poche ore letteralmente sono stati spazzolati via.
Dopo di questi c’è stata una nuova asta di Btp decennali, il tipo di investimento che degli italiani per bene, spesso lavoratori con non tanti risparmi, fanno per trasferire qualche risparmio non immediatamente indispensabile al futuro abolendo i rischi. L’investimento sta nel fatto di concorrere alla stabilizzazione del proprio sistema-paese.
Anche in questo caso esauriti in poche ore.

Ce n’era richiesta per 108 miliardi

emissioni dello Stato, basso tasso di interesse, tutto sotto giurisdizione italiana. Ovviamente nessuna condizionalità.
Il nostro tesoro ne ha emessi per 14 miliardi.
Ci sarebbe bastato soddisfare la richiesta che c’era per avere da subito più liquidità di quella che col Mes vedremmo solo (forse) a cominciare dal 2021, con condizionalità.
E’ evidente che c’è una cospirazione contro il Paese, da parte di forze che stanno al governo, e che rappresentano interessi esterni.

Il nostro regolamento per fare le aste dei titoli poi?
Non ci è imposto da nessuno, e potremmo cambiarlo se solo volessimo.
A differenza di qualsiasi altro paese al mondo che vende titoli all’asta all’interesse minore al quale te li comprano, e alza un po’ l’interesse solo quando restano degli invenduti, noi vendiamo tutto….al prezzo più alto (per lo Stato) che viene offerto.

In pratica aste che servono a finanziare il governo

non vengono gestite nell’interesse del governo, ma nell’interesse dei grandi operatori istituzionali, in modo di fargli avere tassi più alti.
Chi ha fatto queste regole, e chi non le ha mai cambiate, ha cospirato e sta cospirando contro questo Paese.

Questo spiega cosa sia la nostra classe politica, e la classe capitalista che ha alle spalle.
Ma spiega anche quanto sia dannoso mettersi a inseguire complotti sulle cazzate. Si delegittima in quel modo, mettendosi in ridicolo, la critica delle cospirazioni ben più pregnanti e costose che giorno per giorno abbiamo sotto gli occhi, di cui giorno per giorno paghiamo il prezzo.

Si concorre a sviare l’attenzione.

Governanti cospiratori e complottisti: alleati oggettivi, ugualmente nemici del popolo.

 

Tratto dalla Pagina PIIGS_TheMovie

 

Leggi anche:

Per uscire dalla crisi Coronavirus bisogna stampare una nuova moneta fiscale

 

Condividi quest'articolo su -->

Cerca ancora

Ursula, la maternità e la questione di classe

Mi ha davvero lasciato di stucco la storia della presidente Ue Von der Leyen, madre …