Home / Affari di Palazzo / A Verona Matteo Salvini assicura l’autonomia al Veneto
Il Vicepremier Matteo Salvini

A Verona Matteo Salvini assicura l’autonomia al Veneto

Il Vice Presidente del Consiglio e Ministro dell’Interno Matteo Salvini in visita a “Transpotec” a Verona, è sorridente e fiducioso. Transpotec è la manifestazione internazionale che tratta l’autotrasporto e la logistica.

VERONE – Salvini ostenta sicurezza circa i temi che più animano e agitano i sonni degli imprenditori Veneti, ossia la TAV e l’autonomia.

Relativamente alla TAV

(treni ad alta velocità e alta capacità) il Ministro si dice fiducioso ed annuncia che l’anno prossimo tornerà a Verona a cantieri aperti.

Per quanto concerne l’autonomia, invece, la cosa è più complicata. Circa l’affermazione del Presidente del Consiglio Conte che  aveva detto «ci vorranno mesi» Salvini  precisa che:

Le cose vanno fatte per bene, sono molto felice che sempre più regioni la chiedano. Per il Veneto si chiuderà al più presto.

Ovviamente i giornalisti hanno incalzato il vicepremier sulle tempistiche per l’ottenimento dell’autonomia ed egli ha ammesso che entro l’anno verrà approvata.

Che dire su questa affermazione di Salvini?

Beh sono parole che spostano in là quell’autonomia tanto sospirata dalla maggioranza dei veneti.

Ma attenzione, ad avviso di chi scrive i veneti sono sempre più insofferenti perché si sentono presi in giro.

I veneti hanno detto SI all’autonomia con il referendum del 22 ottobre 2017 che ha portato al 98,1% dei consensi. Il referendum è la voce del popolo e in democrazia la voce del popolo va rispettata.  Così come è stata rispettata per il referendum dai connotati farseschi del 21 e 22 ottobre 1866, che sancì l’unificazione delle province venete e di quella di Mantova al Regno d’Italia.

Salvini nega inoltre il baratto (Lega e 5 Stelle)  fra la non autorizzazione a procedere nei suoi confronti sul caso della nave U. Diciotti e la TAV Torino Lione.

Sulla linea TAV Veneta il vicepremier afferma di aver detto a Conte che

non esistono motivi per non aprire la Brescia-Verona-Vicenza.

Sulle infiltrazioni mafiose ricorda:

Con Zaia ho firmato pochi mesi fa un protocollo d’intesa per la legalità sulla Pedemontana e mi risulta che fra le grandi opere le Tav sia intatta da questo punto di vista.

A rimarcare l’intenzione di non trascurare il Veneto, Salvini ha concluso annunciando che ad aprile sarà nuovamente a Verona per una tre giorni a Vinitaly.

Di Diego Carbonatto

Diego Carbonatto
Istruttore e formatore per unità cinofile da soccorso per la ricerca di persone travolte da macerie e disperse in superficie. Qualificato Disaster Manager, a seguito del corso di Alta formazione. Si occupa di cinofilia e di notizie sul Veneto.

Cerca ancora

L’affare tra Soros e Emma Bonino: 200mila euro a Più Europa

Ancora una volta lo speculatore ungherese George Soros entra a gamba tesa nelle dinamiche politiche …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 × cinque =