Home / Altre rubriche / In Corsia / L’inquinamento atroce di una Torino sempre più decadente

L’inquinamento atroce di una Torino sempre più decadente

Duole amaramente dovere ancora una volta scrivere delle condizioni miserevoli in cui versa la città di Torino. Parliamo nuovamente del suo problema maggiore: l’inquinamento. 

inquinamento torino
Una veduta, dalla collina, del capoluogo subalpino. La prima capitale dell’Italia è inghiottita da una spessa coltre di smog.


Immagine correlata‘inquinamento
, con le sue concause quali il traffico irrazionale e diffuso, la mancanza di un piano a lungo termine da parte delle istituzioni comunali, decisivo e oltre i compromessi per salvare la città, la mentalità gretta di molti tra i suoi abitanti sono solo alcuni dei problemi che affliggono una città che aveva votato per il cambiamento, ma che ha ricevuto qualche metro di pista ciclabile in più e tanta accondiscendenza nei confronti dei furbetti.

Le giunte Pd e 5S

non sono state in grado di risolvere in decenni le prime, né di migliorare in un paio d’anni la seconda, una situazione che ormai volge al tragico. I cittadini accusano diffusamente un’aria che gratta la gola, sintomo che ormai anche lo sporadico turista nota, con una marcata una differenza nella qualità dell’aria rispetto alla maggior parte delle città. I giorni concessi di sforamento annuo del Pm10 da parte delle istituzioni europee, trentacinque, vengono puntualmente sorpassati già in Febbraio.

Nel 2018 i giorni di sforamento sono stati 87 .

L’urgenza di una Zona a traffico limitato – ZTL degna del nome.

E’ ormai evidente che le domeniche ecologiche di chiampariniana memoria, le targhe alterne introdotte dallo stesso sindaco, le domeniche del pedone portate avanti col contagocce da Fassino e da Appendino, oggi, non bastano più. Ecco perché il piegarsi alla protesta delle madamine torinesi e degli ubiquescenti NO alla ZTL, persone che, in grandissima maggioranza non hanno votato per Appendino, è un atteggiamento demenziale da parte della suddetta prima cittadina.

inquinamento torino

E’ ormai passata da un pezzo l’ora in cui l’allargamento temporale e di spazio della ZTL cominciava a profilarsi come azione urgente e necessaria per la città.

Dopo averla posta in essere, sarebbero già dovute intervenire le misure di contrappeso per lenire il contraccolpo sulla città, quali il rafforzamento del sistema dei trasporti, di cui già si esige oggi un aumento non indifferente. Si sarebbe dovuto trovare un efficace metodo di controllo dei biglietti, mentre ancora oggi il 20% degli utenti GTT è “portoghese

Una morte su sei per inquinamento atmosferico nel continente europeo avviene in Italia,

come dimostra il rapporto sullo Stato dell’Ambiente a cura dell’ Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (clicca qui per leggere nel dettaglio il resoconto dell’Istituto).

Anche il rapporto Legambiente 2019 fotografa una situazione impietosa per l’Italia, e particolarmente per Torino.

Il report Mal’aria 2019, infatti, descrive la situazione dell’inquinamento dell’aria in Italia nel 2018. Una situazione preoccupante, che i blocchi del traffico torinesi non hanno accennato a diminuire. Così hanno anche documentato il meteorologo Mercalli e i vari comitati ambientali locali e regionali. Nei mesi freddi il particolato – direttamente riconducibile alle emissioni dei gas di scarico delle automobili –  risulta elevatissimo e la qualità dell’aria è resa pertanto critica nell’ambiente cittadino. Le conseguenze sono di un’urgenza allarmante. Non è catastrofismo, ma buonsenso, rimarcare come le conseguenze siano ormai di grave livello sanitario, a Torino, campione di sforamenti di Pm10, ed in Italia.

Legambiente sottolinea,

anche se non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire, che sia necessario agire sulle attività antropiche che producono questo inquinamento in maggior misura, ossia i trasporti e la mobilità urbana.

F.

Leggi anche:

Torino: è battaglia sulla Ztl

A Torino d’inverno è già inquinamento da record

Torino maglia nera dei trasporti pubblici

Quattro passi nel delirio…del traffico di Torino

In due mesi Torino già oltre i limiti d’inquinamento Ue

Di Federico Altea

Avatar

Cerca ancora

Salone del Libro: perché riservare uno stand agli Emirati Arabi?

La 32esima edizione del Salone del Libro di Torino sta catalizzando l’attenzione dell’opinione pubblica nazionale …