Home / Vicolo / Sgozzato alle spalle per strada: Torino è una città insicura

Sgozzato alle spalle per strada: Torino è una città insicura

Stefano Leo è stato sgozzato alle spalle in centro a Torino, una città con un enorme problema (tra gli altri) di sicurezza.

A chi segua questo giornale dal 2011 non sarà sfuggito l’iniziale entusiasmo al momento del mutamento di colore della giunta comunale, dopo decenni dello stesso segno politico e l’incancrenirsi delle posizioni di potere, prestigio, e danaro in seno alla sua amministrazione ed alle sue controllate gestioni.

Da un anno a questa parte, tuttavia, abbiamo dovuto aprire gli occhi di fronte ad una situazione che non è migliorata, sotto alcun punto di vista.

Il sentimento di disincanto deriva da molti diversi fattori.

La mobilità è sempre la medesima, se si eccettua un minimo sforzo in piste ciclabili e l’apertura del ponte a raso che unisce corso Matteotti con via Cavalli.

Gli spacciatori che prosperano nelle loro piccole enclavi come la collinetta del Valentino, porto franco di spacciatori da almeno venti anni, o come l’intero corso Principe Oddone, protagonista altresì degli ingorghi più assurdi nell’incanalarsi nella rotonda di piazza Baldissera.

Il grattacielo della Regione è fermo da lustri, nella sua splendida incompiutezza, costruito forse per fare un favore all’amico della giunta precedente Fuksas, si erge nel bel mezzo del nulla, pugno in un occhio di una skyline naturale che arrivava dalle colline alle montagne.

La linea uno della metropolitana ancora non è stata completata, dopo vent’anni.

La linea due della metropolitana è ancora un estremamente irenico concetto, quasi utopistico.

I vigili se ne fregano dei soliti problemi di parcheggio in doppia fila, ingorghi, subumani alla guida di improbabili SUV che spadroneggiano ovunque, palesando come il problema della compensazione di un sottosviluppo genitale sia materia piuttosto grave, in città.

La città vive ancora tutta incentrata sulla Fiat, che l’ha sedotta e abbandonata. Le automobili sono utilizzate per una media ridicola di mezzo chilometro al giorno, e sono tante, tantissime, ed in continuo aumento.

I limiti di PM10 sono ancora frequentemente sforati, tanto che già nei primi mesi dell’anno la città supera il numero di sforamenti del livello di guardia consentiti dall’Unione europea.

Oggi però, ai vari fattori, se ne aggiunge un altro. La sicurezza in città è ormai una chimera e la gente deve avere paura a camminare tranquillamente per strada.

Un uomo di 34 anni che camminava placidamente per strada è stato sgozzato alle spalle. Di mattina. Mentre andava al lavoro.

Ha cercato di chiedere aiuto, Stefano Leo, camminando per sessanta metri. Ha camminato fino in mezzo alla strada, tenendosi la gola e lasciando un’enorme scia di sangue impossibile da ignorare. Eppure alcuni automobilisti, con tutta probabilità, l’hanno ignorata. Dopo alcune auto, un guidatore si è fermato e ha chiamato il 118. Tutto inutile.

Il ragazzo è morto. L’assassino, per ora, non si trova. Di lui si sa solo che aveva un giubbotto chiaro con una scritta rossa e che forse ha una capigliatura rasta.

Dal lungo Po dei Murazzi, come ogni mattina, Stefano si recava a lavoro in un negozio in via Roma. Nella città che, dopo una laurea in legge e peregrinazioni per il mondo, tra cui una lunga esperienza a contatto con la natura in una fattoria in Australia, pensava sarebbe potuta essere la sua ultima meta. E purtroppo lo è stata.

Già sappiamo che Torino è la città più inquinata d’Europa, insieme a un comune bulgaro con problemi ancora più gravi, ma vediamo che anche nell’indice di criminalità delle città europee Torino si piazza in un “rispettabile” IV posto.

La classifica si basa sui dati raccolti dal noto sito internazionale Numbeo, riguardo il livello di criminalità percepito nelle città europee. Per ogni città è stato calcolato un indice di criminalità: si considerano i livelli di criminalità inferiori a 20 come “molto bassi”, i livelli di criminalità tra 20 e 40 come “bassi”, i livelli di criminalità tra 40 e 60 come “moderati”, i livelli di criminalità tra 60 e 80 come “alti” e infine i livelli di criminalità superiori a 80 come “molto alti”.

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

Il radicamento dell’ndrangheta è un grande problema in Veneto

Le notizie di una ulteriore grande operazione contro l’ndrangheta confermano come l’infiltrazione e l’insediamento mafioso in Veneto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

18 + sei =